Acqua & Mare
Il Blog di OrkaLoca

Santa chimica

by orkaloca January 28 cose di casa

Ci son situazioni, a volte, in cui ti rendi conto che la chimica aiuta. Eccome.

Ma partiamo dall'inizio...

La scorsa settimana faccio partire la lavatrice. Tutto bene fino alla centrifuga, quando questa parte STOK STOTOK PIMPATAPUM!
Un casino allucinante.
Corro in bagno, fermo la lavatrice, la apro, la svuoto convinta di trovare qualche malefica moneta, sfuggita al mio controllo-tasche, nel cestello Invece nulla.
Mah. Ricarico, chiudo e faccio finire.

Salto avanti di un paio di giorni, serve ancora la lavatrice. Carico, faccio partire e mentre quella fa il suo sporco lavoro io mi faccio i santi casi miei.
Ad un certo punto sento un sinistro rumore... SCIACQQQ SCIACQQQ GOCCIOL GOCCIOL
Mi giro verso l'acquario aspettandomi le cascate del niagara ma... nulla.
Un brivido mi percorre... corro in bagno e... IL LAGO!

Fermo tutto, faccio scaricare la macchina, intanto butto a terra stracci e asciugamani.
Rientrata un filo l'emergenza, arginato il fiume in piena, apro il filtro pensando di trovarci dentro la famosa malefica moneta o chissà che.
Ovviamente altro mezzo lago, ma nel filtro nulla di nulla, nemmeno un capello.

Gioie e dolori del filtro autopulente, temo gia che il fatidico oggetto estraneo si sia infilato nel tubo di scarico.
Asciugato tutto, rientrata in me, il giorno dopo smontiamo i tubi della lavastoviglie ma dentro il nulla.
Ottimisticamente penso che se un ingorgo c'era magari se ne è andato. Faccio una prova con un ciclo risciacquo-centrifuga. E no, non ci siamo, al carico acqua ecco riformarsi il lago.
Mah.

Google in questi casi consiglia di coricare la lavatrice e controllare il manicotto che collega pompa a tubo di scarico. facile che sia quello.

Così portiamo il bisonte in sala e lo corichiamo.
Risultato?
Il manicotto è integro! E asciutto!

In compenso son bagnate altre parti ben più in alto del manicotto. E che sarà mai?

Prendo una torcetta e guardo bene nell'oscurità e... eccolo li il problema... robetta da nulla... MA COME CAVOLO E' POSSIBILE?

Si si è proprio un bel buco nell'alloggio del cestello.

E che vuoi fare, un buco è un buco, costa più cambiare il pezzo che prenderla nuova... così conveniamo che purtroppo tocca la spesa extra.

Ma quando eravamo gia per le scale mi è balenata in mente un'idea... ho in casa della resina epossidica bicomponente... la si usa per incollare le rocce e i coralli in acquario.
Però il suo scopo originale è proprio quello di tappare fori in condutture e similanti, in radiatori e batterie, o può essere usata per riparare piccoli oggetti... Perchè non provare, tanto per cambiare, ad usare qualcosa per il suo vero scopo?

Così siamo rientrati, ho impastato un po' di resina e ho tappato il foro.
Indurisce in 3 ore ma per sicurezza l'abbiamo lasciata riposare per la notte.
Ieri gli abbiamo messo sopra anche un pezzo di scotch telato, quello grigio, e infine abbiam trovato il coraggio di fare un risciacquo-centrifuga di prova.

E indovinate un po'... NON PERDE!!!

YUPPY!!!

Oggi la prova del nove, lavatrice con carico.

ed il bagno è ancora asciutto!!!

Mi chiedo... come abbiamo fatto ad evolverci fino al 1936 senza le resine epossidiche?
Santa chimica!!!


tagz:
Comments are closed