Acqua & Mare
Il Blog di OrkaLoca

La biologa marina che è in me scalpita


Arriva l'estate, la gente va al mare, ed ecco che l'idiozia della gente si scatena e fiorisce la disinformazione terroristica.
La vittima preferita degli ignoranti da spiaggia e dei giornalisti da un tanto al chilo è, tipicamente, la medusa.

Ieri mi si son ribaltate le budella leggendo della "pericolosissima medusa gigante da più di 50 cm di diametro" che stazionava vicino alla spiaggia di montepaone, seminando terrorpanico tra i bagnanti.
Finchè un CORAGGIOSO bagnante l'ha presa e sotterrata, uccidendola.

Ora, io quel che posso fare, oltre che indignarmi, è cercare di diffondere un minimo di cultura marina spicciola... quindi sopportatemi :p

Punto primo: Le meduse non vanno vicino riva per ciucciare via i cervelli alle persone (morirebbero di fame ... uh come son acida)
Ogni volta scrivono delle meduse come se queste attivamente andassero a cercarsi i bagnanti. La verità è che poche meduse sono in grado di nuotare... pulsano, è vero, ma quasi tutte vanno solo dove le porta la corrente. Quindi se vi capita vicino una medusa, no, non sta cercando di attaccarvi. Spostatevi e finisce tutto li.

Punto secondo: Non tutte le meduse pungono.
Si, tutte sono armate di cellule urticanti, ma non tutte sono problematiche per l'uomo. Così se è vero che se vi punge una cubomedusa finite in ospedale (se ci arrivate), è anche vero che tante delle meduse di grosse dimensioni sono praticamente innoqcue per l'uomo.
Dite "eh ma se non le riconosco?" eh ciccio se non le riconosci allontanati o esci dall'acqua, ricorda che sei tu a casa della medusa, non il contrario!

Punto terzo: Non è coraggio...
No, prender fuori la medusa e ucciderla sotto la sabbia non è coraggio, è imbecillità! Punto! Senza appello!

Per la cronaca la medusa in questione era, a veder la foto, un così detto "polmone di mare", una medusa che può diventare molto grossa (fino a 60cm di diametro) ma che per l'uomo è INNOQCUA. Può causare irritazione e serio prurito solo nei soggetti molto molto sensibili. E no non ustioni e cicatrici.
E allora che bisogno c'era di ucciderla?
Pigliala e portala al largo piuttosto. Vuoi dirmi che non c'era nessuno col pedalò li vicino? Dai!

Comunque sia, io so che voi miei fidi lettori non fareste mai una cosa del genere :) Vi indico anzi come sfruttare l'avvistamento della medusa in modo positivo... Ci sono molte ricerche in corso sulle meduse e un modo per aiutare i ricercatori è segnalare le meduse, singole o in banchi.

Eccovi due modi per farlo... o tramite il centro studi italiano, il CIESM ... CLICCA QUA per la locandina dell'iniziativa con le istruzioni
O tramite il progetto americano JELLYWATCH che è in inglese ma ha di bello che c'è anche l'app per il telefonino.

Fatemelo sto favore personale, non uccidete le meduse, segnalatele :)


tagz:
Comments are closed