Acqua & Mare
Il Blog di OrkaLoca

La sacra sindone

by orkaloca December 5 vita col bernese

Nala si è data all'arte sacra ^__^


tagz:

Nala Saluta

by orkaloca July 27 vita col bernese


tagz:

Non sono isterica...


...è che mi riducono così!

Ve li ricordate i bei tempi di Nala cucciola e io isterica per il troppo contatto umano?
Giusto ieri pensavo "va che bello è un bel po' che non trovo strani personaggi in giro"

L'Universo ha sentito, ha frainteso, e mi ha mandato quel che secondo lui non vedevo l'ora di incontrare.
L'ennesima biscottinatrice coatta.
Ma con una piega diversa dal solito.

Codesta signora, anzianotta, gira con due cani, uno meticcio rossiccio non tanto anzianotto, l'altro un pastore tedesco grigionero sciancato e vecchio come Noè.
In passato è successo di fermarsi a chiacchierare mentre i cani facevan le loro cose da cani. E tutto bene.
Poi che vi devo dire, questa ha preso confidenza e ha iniziato ad allargarsi.

Un giorno Nala le si è avvicinata e lei oltre alla solita carezza TRAC le ha pure elargito il biscotto. Velocissima.
Quanto pensate ci abbia messo Nala a capire che quella signora molla biscotti?
La volta dopo ovviamente si è subito puntata alla tasca e TRAC velocissima quella le caccia il biscotto. Non faccio in tempo a fermarla, ma le dico che preferisco non abbia biscotti.

Oggi la incontro ancora, si trattiene, Nala sente l'odore e le si mette davanti puntando alla tasca. Il fatto che questa tenesse le mani in tasca non aiutava.
Quella era tutta un "oh che carina, cosa vuoi è? è?"
E io "eh lo sa che ha i biscotti, ma lei non glieli dia, non voglio che mangi fuori pasto o prenda dagli estranei"
Lei "ah no no ma io non le do niente"
Tempo MEZZOSECONDOMASSIMO ed eccola tirar fuori il biscotto e allungarlo a Nala.

Mi son incazzata.
Prima, sperando di fermare il momento, ho esclamato NO! NO! ma figurarsi Nala aveva gia ingollato.
Al che mi son risentita e scocciata ho detto "Signora se lei fa così mi rovina tutto l'addestramento che sto facendo col cane. Le ho insegnato a non mendicare dalle persone! Ora per colpa sua io la devo sgridare perchè fa una cosa che non deve!" (ok no non mi rovina tutto l'addestramento ma sicuramente quello volto a non farla essere rompina con le persone)
E quella che mi risponde? "Eh vabbè ma noi che abbiamo i cani lo sappiamo" sott'inteso sappiamo che i cani mendicano.
No col cazzo, se tu vuoi che il tuo cane mendichi fai pure ma il mio no. Anzi gia che ci sei magari insegna al tuo cane a non saltare addosso a tutti per meza coccola, dato che è quello che fa appena mi vede. Mi corre incontro e salta su.

Ho richiamato Nala incamminandomi e lei ovviamente non ne voleva sapere, puntando sempre la tasca. L'ho richiamata con un urlo secco NALA! VIENI! e poi alla signora "vede?"

Abbiam proseguito il nostro giro e abbiamo re-incrociato la sciura davanti casa (perchè giriamo nei sensi opposti attorno a uno stesso isolato). Mi ha guardata un po' storta.

Ora io capisco che poi passo per quella schizofrenica che si sveglia con la luna storta, ma la verità è che la gente man mano che la incontri si prende sempre più confidenza e questo non va niente bene.
E' ovvio che la confidenza te la puoi prendere fino a un certo punto, poi la corda se la tiri si rompe.

Biscottinatori compulsivi del piffero!


tagz:

Ma queste expo son così brutte?

by orkaloca January 19 animali * vita col bernese

E' passata una settimana dal "debutto in società" della mia bella cozza dal collocorto :p e due parole vorrei dirle su questo strano mondo delle expo.

Il post fondamentalmente nasce rimuginando sulle classiche frasi che si sentono dire dal pubblico "ma povero cane" e "l'ambiente delle expo è orribile"
No non cercherò di dirvi che non è così. Quel che voglio fare è spiegare cosa succede in expo e perchè si vedono cose che fan pensare le due cose sopra.

Allora immaginatevi, è domenica, siete una sciuramaria che magari ha pure un cagnetto ma cultura cinofila zero (se così non è questo post non dirà niente di nuovo), non sapete che fare, decidete di andare a vedere come pubblico l'expo canina.

Arrivate in fiera ed entrate in un padiglione pieno di rumore e abbai e l'impatto può anche esser più forte se un maremmano ha appena fatto cacca proprio accanto all'ingresso e ancora devono pulire.
Iniziate a girare e vedete i ring con gente che corre su e giu col cane, e in realtà non ci capite una mazza di quel che sta succedendo quindi quel che accade nei ring non ha grande attrattiva, a meno che non stia correndo la vostra razza preferita o una qualsiasi con tanto pelo, che fan sempre la loro figura.
Quel che succede fuori dai ring però attira lo sguardo.
Vedete i cani chiusi nelle gabbie o nei trasportini o, se son piccoli, in recintini. E gia qui vi fanno pena perchè l'associazione gabbia=cane imprigionato è immediata.
Alcuni cani dormono, e vabbè, altri vi guardano con la faccia da cane-enpa, e vorreste liberarli, e altri abbaiano. E se abbaia il cocker vi vien voglia di liberarlo e denunciare quel bieco maltrattatore che l'ha messo in gabbia, se abbaia un rottwailer fate uno zompo indietro e vi vien voglia di denunciare quel bieco scienziato che ha creato in labroatorio questo pericolosissimo kanekiller che va tenuto in gabbie con sbarre del 30.
Vi guardate attorno e notate che solo pochi cani hanno vicino qualcuno, molti son lasciati a se stessi nelle gabbie. Solo ogni tanto compare qualcunoc he va dal cane abbaione e gli urla PIANTALA!

Continuate il giro e notate, attorno alcuni ring, cani su tavolini dall'aria traballante (in realtà non lo sono ma lo sembrano assai), legati col guinzaglio a una staffa in modo che debbano stare in piedi. Attorno si affannano persone con carde pettini forbici (una volta anche phon, lacca, talco... ora non si puo più) e queste persone senza troppa grazia pettinano e strigliano zampe, code, orecchie.
Voi pensate che quei poveri cani siano oramai totalmente rassegnati, o che non sbranino la persona solo perchè sono legati, perchè il vostro cane lo farebbe.
Inoltre dai, come si fa a tagliare il pelo il quel modo li a un cane, coi ponpon! O a farglielo crescere così tanto che quasi non cammina e sicuro non vede? POVEROCANE!
Poi magari ecco che vedete l'apice... un cane che non vuole farsi pettinare la zampa e la persona che si spazientisce e gli da una scoppola.

Come cigliegina sulla torta vedete non pochi cani che fanno i loro bisogni così, li su due piedi, e ne fanno talmente tanta che vi chiedete se non siano stati portati a liberarsi, l'ultima volta, 10 giorni fa!

Ora, se uno che ha visto tutto questo (e non mi son inventata niente, ho solo scritto quel che ho visto io di persona a questa expo e a quella del 2012) mi dice che le expo fanno schifo, eh beh io proprio torto non glielo posso dare.
Però mi piacerebbe spiegare che non tutto quello che pare brutto lo è davvero e che anche le cose brutte non sono normali ma sono cose che succedono perchè c'è di mezzo l'uomo e, come sempre, ci son gli esseri umani ma purtroppo ci sono anche i troll (si inteso come greature grezze e ripugnanti).

Partiamo dalla cosa che fa più impressione, credo: le gabbie.
Anzitutto non è mica d'obbligo metter il cane in gabbia, però i cani da show sono (o dovrebbero) esser abituati fin da piccoli a vedere la gabbia come la loro cuccia, come un luogo piacevole e sicuro. Quindi tendono a esser più tranquilli in gabbia. E infatti molti se la dormono della grossa. Inoltre la gabbia li protegge anche dai coccolatori coatti (leggi sciuremarie) perchè voi non avete idea di quante persone arrivino e coccolino il cane senza nemmeno chiedere.
E se come me sei li più per gioco che per altro te ne frega relativamente poco, ma se sei un allevatore o un handler di professione (spiego dopo chi sono), se fare show fa parte del tuo lavoro, sai che la condizione e l'ordine del pelo sono essenziali per aver un buon risultato. E se, dopo che hai passato due ore a spazzolare il cane, arriva la sciuramaria e te lo paciocca e spettina... come minimo ti salgono istinti omicidi degni di hannibal lecter.
E questo è anche il motivo per cui alcuni non fan accarezzare i cani. Perchè gli show in realtà non sono per il pubblico. Sono per gli allevatori.

Poi è vero, ci sono cani che vengono messi nelle gabbie perchè così l'umano può andare a farsi i fatti suoi altrove, magari a presentare un altro cane in un altro ring. Il cane si trova senza il suo riferimento e piange e si stressa.
E' colpa dell'expo? No, è colpa dell'umano.

Veniamo poi ai cani superpettinati e acconciati. Anzitutto c'è da dire che le varie acconciature non sono frutto della mente malata e sadica degli allevatori, ma vengono dettate dallo standard di razza. Ogni razza ha uno standard, cioè un documento che specifica in dettaglio come ci si aspetta che sia quella razza e può anche stabilire come va presentata.
Per farvi un esempio eclatante, QUI potete leggere lo standard del barbone. Se andate alla fine troverete le direttive molto specifiche per la toelettatura.
Quindi purtroppo certi cani devono esser sistemati.
Certo se provate a fare la stessa cosa al vostro cane di casa si stressa da morire. I cani da show invece sono spesso abituati fin da cuccioli a stare sul tavolo e a farsi sistemare. Si rompono le palle magari, ma non è che si stressino granchè.
Poi c'è sempre l'eccesso, l'umano che si spazientisce, ma questo ancora una volta è colpa del singolo umano.

Che dire poi dei cani che fanno i bisogni in giro? Beh li cos'altro si puo dire se non che han accanto umani mica tanto furbi?

Noterete che ho sempre parlato di umani, non di padroni. C'è un perchè. Perchè non è detto che il cane sia portato in show dal padrone. E qui entra in gioco la figura dell'handler, cioè una persona che di professione presenta sul ring i cani degli altri. In alcuni casi li addestrano e toelettano pure. E' una persona che si prende la briga, avendo si spera studiato e fatto esperienza e dopo lauto compenso, di portare il cane in ring e farne risaltare al meglio le qualità, magari nascondendone i difettucci, pettinandolo al meglio, piazzandolo perfettamente e così via.
Ora capirete che a un handler del cane può non fregargliene poi così tanto, così come al cane magari frega niente dell'handler. Così si vedono cani intimoriti perchè non hanno il loro riferimento vicino o persone che trattano i cani con non troppa gentilezza. E pure handler che accettano di portare in show più cani, così succede che debbano galoppare da un ring all'altro, magari ai due capi della fiera, e i cani ovviamente li parcheggiano nelle gabbie.
Certo non sono tutti così gli handler, però ci sono, e son le persone di questo tipo che, agli occhi delle sciuremarie, rendono le expo un'esperienza discutibile.

Poi in mezzo a tutto cio ci sono anche le persone normali. Padroni, allevatori e handler. Quelli che non li noti perchè se ne stan buonini li seduti col loro cane, quelli col cane abituato alla gabbia o tranquillo anche fuori, quelli che non ti sbranano se gli accarezzi il cane, quelli che sono li CON il cane, per i quali il cane non è solo una via per raggiungere uno scopo (prestigio, contatti, monte etc), quelli che l'expo la fanno perchè si, gli serve, ma il cane se lo vivono come compagno d'avventura, non come accessorio indispensabile per l'expo.

Però appunto queste persone non le noti ed è un peccato perchè rappresentano la parte sana di una cosa che, altrimenti, certo che sembra orrenda.

Per quanto mi riguarda questa expo è stata, lo ammetto, un grande stress.
Non per Nala, ma per me. Perchè io se devo fare una cosa del genere vado in ansia, perchè sono una perfettina quindi devo preparare tutto in modo impeccabile. Inoltre sono una maniaca del controllo, e sapere di non avere controllo della situazione mi ha messo in ansia. Ancor più perchè era la prima volta.
Insomma l'ultima settimana prima dell'expo, specialmente, l'ho vissuta piuttosto male.
Con tutta l'ansia e l'impegno messi, arrivare li ed esser liquidate con un'occhiata di striscio mi ha deluso tanto. Non il risultato, ma il come è stato decretato.
E, cosa che non pensavo, ha deluso tanto anche Cla, che ancora ci rimugina.
Che se Nala è una cozza ce lo deve dire qualcuno che la guardi davvero come deve. E allora... allora tra due mesi si fa il bis. Sempre vicino, a Lodi. Expo piccola credo, penso che le razze piu rappresentate saranno quelle da caccia, sia perchè c'è una certa vocazione territoriale, sia perchè ci sono un sacco di premi speciali molto allettanti per le razze da caccia.
Chissà, magari stavolta invece che quinte di cinque riusciremo ad arrivare seconde di due ahah.
Scherzi a parte quel che ci ha fatto decidere di ritentare è che in questa expo il giudice per i bernesi è un italiano e sopratutto uno che giudica solo razze molossoidi. Non uno abilitato a giudicare tutto dal barboncino al mastino napoletano con predilezione per i levrieri (spiegatemi cosa c'entrano uno con l'altro).
Quindi si spera che abbia voglia di fare il suo lavoro anche coi bernesi anche se non sono la sua razza elettiva (che comunque in questo show non giudica, quindi non dovrebbe correre per arrivare ai suoi "pupilli")

Ricomincia quindi l'allenamento di Nala, ma stavolta mooolto più rilassato. Ora so come funzionano le cose, tanti motivi di patema ho visto che son infondati... prendiamola più alla leggera.

Ma poi basta. Al massimo andiamo a sfilare alle locali quest'estate, quelle manifestazioni dove vince il cane più simpatico, piu ubbidiente o piu somigliante al padrone... e che li almeno si vincono i prosciutti! :p


tagz:

Nala fa la sfilata: il video

by orkaloca January 12 animali * vita col bernese


tagz:

Nala fa la sfilata (lungo ma con foto)

by orkaloca January 12 animali * vita col bernese

E anche capodanno è andato, passato nel modo piu tranquillo immaginabile a casa di amici con bimba piccola. Niente bagordi o cose strane, oramai non abbiamo più il fisico :p

E dopo il capodanno il pensiero dei giorni seguenti è stato... preparare Nala per la sua prima expo, che è stata ieri :)

Passo indietro: non abbiamo preso Nala con l'intenzione di fare expo ma un annetto fa l'allevatrice ci chiese se ci andava di farne una perchè se Nala avesse preso "eccellente" sua mamma avrebbe fatto il titolo di "campione riproduttore", titolo che viene dato a un cane che fa figli belli, quindi per farlo serve che tot figli di tot cucciolate diverse di tot padri (o madri) diversi ottengano l'eccellente in expo. Capirete che, per ovvia differenza in numero di discendenti, un maschio è più facile che faccia il campione riproduttore che una femmina.
Alla mamma di Nala manca un solo eccellente così ok, accettammo di fare un'expo.

La prima scelta fu per Lodi lo scorso anno ma poi nala si fece male quindi niente.
Non se ne è più riparlato fino a novembre, quando ho visto che c'erano aperte le iscrizioni per l'expo di Milano. Così via abbiam deciso di tentare con la Nazionale di ieri, e di conseguenza è iniziata la preparazione.

Gia perchè in expo non ci si va mica a caso.
Spiego come funziona in soldoni... una expo è fatta per valutare i cani, lo scopo principale è selezionare i riproduttori, fare i titoli etc. quindi sono eventi in cui soggetti di tutte le razze di cani vengono valutate da esperti giudici (sottolineo esperti giudici, poi ci torneremo).
Ci sono tanti ring, in ogni ring si valutano un po' di razze, a seconda di quanti iscritti per razza ci sono, e si entra in ring secondo l'ordine delle razze deciso dall'organizzazione e poi nella razza entrano prima i maschi e poi le femmine, divisi secondo la classe d'iscrizione che dipende dall'età.
Sembra complicato ma all'atto pratico quando ti iscrivi decidi la classe in cui far concorrere il cane (ad esempio Nala è in femmine, ovviamente, classe "libera" che è per i cani con più di 24mesi), poi in expo semplicemente apetti finchè il commissario di ring non urla "FEEEEEMMINEEE LIIIBERAAAA" e li entrano in ring le femmine libere.

Ci si mette in ordine di numero e si piazza in cane, che vuol dire che deve stare in piedi con le zampe ben messe e star buono.
Li il giudice si fa un'idea dei cani, poi fa girare al trotto tutti insieme e poi passa al giudizio individuale. Guarda i denti, per vedere che ci siano tutti i molari da entrambe le parti e come chiudono gli incisivi, se è maschio tocca che ci siano gli zebedèi, poi tasta il cane per vederne la struttura sotto il pelo e come è il pelo, e infine lo valuta in movimento da solo chiedendo di fare un avanti e indieto per il ring e un triangolo o un altro giro.
In movimento il cane deve trotterellare accanto al conduttore senza cercare di scappare via o di giocare con gli altri cani (o mangiarseli), mostrando al giudice il fianco sinistro (ricordatevelo, il sinistro)

Una volta esaminati i cani il giudice fa una classifica, assegna i primi 4 posti ed eventuali riconoscimenti dai nomi che son sigle astruse, quindi si esce.
Alla fine dei giudizi del ring, cioè quando tutte le razze di quel ring son state valutate, si può ritirare il libretto delle qualifiche con la valutazione e la scheda con il commento del giudice.
Per la valutazione in teoria i voti sono eccellente, molto buono, buono, sufficiente, insufficiente.
In realtà i voti sono solo due: eccellente per quasi tutti, molto buono per le ciofeche.

Ok questo lo spiegone per far capire a quanti non han mai messo naso a un'expo, nemmeno come pubblico, cosa succede.
Ora veniamo alla realtà :p che come sempre è mooolto più divertente della teoria, specie prima dell'expo.

Prima cosa da fare: essere in regola coi vaccini.
Per entrare in expo è obbligatoria l'antirabbica. Nala l'aveva gia fatta triennale, ma serve l'annuale, quindi a novembre abbiam fatto il richiamo, che altro non è che un'iniezione sottopelle sul fianco. Sinistro. Ricordate quale fianco guarda il giudice?
Uscendo l'assistente della veterinaria mi butta li un "ah lo sai che occasionalmente può dare alopecia, no?" hemmm veramente no ma vabbè, siam ottimisti dai!

Si certo... due settimane dopo indovinate un po'...

Scatta l'agitazione, la ricerca, scopro che l'antirabbica da si questo problema e che, peggio mi sento, l'alopecia potrebbe pure esser permanente. ARGH! La vet dice di massaggiare. Io trovo che gli studi dimostrano che la vitamina E aiuta... totale inizia una corsa contro il tempo armata di massaggini con crema alla vitamina E e capsule di vitamina, delle quali fortunatamente avevo ancora una scatola da una precedente terapia di Nala. Saran stati i massaggi, le vitamine o entrambe, fortunatamente ha cominciato a ricrescerle il pelo e ieri aveva un bel peluscino nero che per lo meno mimetizzava la macchia spennata.

Seconda cosa da fare: addestrare Nala.
Questa fortunatamente è stata la parte facile, lo sapete lei è brava in questo, afferra al volo e si impegna pure. La parte difficile è stata convincerla che il suo pesantissimo culone può pure stare alzato da terra per qualche minuto :p
Da novembre ogni giorno le ho fatto fare gli esercizi, una volta al giorno... trotterellami accanto, stai ferma in piedi e fatti sistemare le zampe (altro punto critico, non le piace che le si tocchino le zampe). Il tutto richiedeva forse due minuti al giorno, non di più, ma pian piano io ho imparato a portarla e a piazzarla, lei ha imparato a stare in piedi e a farsi posizionare le zampe... Ieri è stata proprio brava.

Terza cosa da fare: il bagno.
La cosa più brutta bruttissima della faccenda, a parer di Nala... IL BAGNO! Non dico altro :p

E così arriviamo alla giornata di ieri, Nala in forma, addestrata, mi sveglio presto, la chiamo per darle la pappa e... lei riemerge dalla camera da letto ZOPPICANDO CHE NON POSA LA ZAMPA.
I bestemmioni ve li lascio immaginare.
E mo? che facciamo? A parte imprecare e farsi un pianto nevrotico perchè ci siam tanto impegnate?
Vabbè, che vuoi fare, iniziamo a portarla a fare i bisogni e poi vedremo.
Portandola giu ho visto che camminando migliorava un po' quindi alla fine abbiam deciso di andare comunque in fiera e decidere al momento se farla entrare in ring o ritirarla. Male che fosse andata avremmo passato una giornata in fiera e via.
Invece per fortuna durante la mattinata si è mossa un po', si è scaldata e ora del nostro turno le era passato quasi tutto. Vai a capire, avrà dormito storta, ma ci ha fatto spaventare non poco.

Arriviamo in expo alle 8.15, passiamo il controllo veterinario (cioè sbirciata veloce alla data dell'antirabbica), troviamo un posto vicino al ring e ci piazziamo la cucciona di Nala e la sedia. E poi? E poi semplicemente si aspetta il proprio turno.
Chi ha cani che richiedono particolari preparazioni inizia subito a stressarsi e pettina di qua e cotona di la etc. Chi come noi ha cani che van presentati "nature" semplicemente aspetta. Si fan due chiacchiere, Nala da brava si è messa giu a osservare il mondo intorno a lei... fortunatamente non è un cane che si stressa, lei prende le cose come vengono e se ci sono mamma e papà il mondo può pure caderle attorno ma per lei va tutto bene.

Così arrivato il turno nostro siamo entrate in ring con gli altri 4 cani della nostra classe.

Ricordate quello che ho detto sopra, su come avviene il giudizio?
Ecco è andato in tutt'altro modo -_-

Il giudice, un russo, è in teoria abilitato per tutte le razze, ma evidentemente ha una predilezione per i levrieri e i piccoli cani da compagnia. E questo gia lo sapevo perchè mi ero informata.
E infatti nel nostro ring si giudicavano i dogue de bordeaux, il pastore del caucaso e dell'asia centrale, i bovari svizzeri e poi tutti i tipi di levrieri.
Ma che al giudice dei molossi non gliene fregasse una cippa s'è capito subito al primo giro. Cani mandati fuori dal ring per un'immaginaria zoppia, classi giudicate in gran velocità, faceva fare un giro di gruppo, un avanti-indietro, i denti li ha guardati di striscio e solo la chiusura degli incisivi, non ha toccato alcun cane. Stava bello distante e dettava i commenti al commissario.
Ora, se avesse fatto così con tutti uno avrebbe potuto pensare ok, è proprio il suo modo di fare.
Invece no, arrivato il turno dei levrieri non pareva nemmeno più lo stesso giudice. Li faceva muovere, girare, rimuovere, controllava tutti i denti e toccava bene i cani.
La curva dei molossoidi unita mugugnava (perfino i vincitori figurarsi). Ma non ci puoi far niente.

Nala è stata comunque bravissima, mi ha reso tremendamente orgogliona. Eccoci nel nostro su e giu... il giudice è quello grosso in giacca blu con lo sguardo schifato.

Ed era tanto schifato che siam arrivate orgogliosamente ultime con l'infamante "molto buono"
Commento del giudice: Grande, testa e muso leggeri, ossatura esile, collo corto. Bel petto. (oh grazie almeno qualcosa di bello c'è)
Che tradotto fondamentalmente vuol dire una grossa cozza :(
Però posso dire una cosa? Se me l'avesse giudicata così dopo aver fatto bene il suo lavoro, pazienza, ma il giudizio dato senza fare quello che avrebbe dovuto fare... mah lascia perplessi (mica solo me era un sentimento generalizzato tra i proprietari dei molossi giudicati in questo ring)
L'unica cosa che posso capire è il collo corto, perchè rivedendo il video ho visto che ero messa male io e lei per guardarmi tirava indietro la testa con effetto senzacollo. Inesperienza mia, lo ammetto.

Comunque lei resta la mia cozza e come tale la più bella di tutte le cozze :p E poi lei c'ha il cervello ecco :p

Quel che mi spiace è non esser riuscita a fare l'eccellente per la mamma e che alla fine come cane non sia stata veramente valutata, solo guardata superficialmente. Lei come, ripeto, tutti i molossi.
Vabbè così è la vita, e ora vado a coccolarmi il mio grosso cagnone dal collo corto :)


tagz:

Di cani, gatti e quiltini

by orkaloca December 10 animali * vita col bernese

Ed eccomi di ritorno (sopratutto ritorno in me) dal weekend suoceresco in quel di Padova.

Fino allo scorso anno quando andavamo a Padova lasciavamo Nala da un educatore nonchè dogsitter che se la teneva in casa coi cani suoi. Questo perchè i suoceri avevano una cocker un po' problematica e quella era la cosa migliore per tutti.
Poi quella cocker ha fatto una fine brutta brutta: è morta avvelenata.
Dopo qualche mese è arrivata in famiglia un'altra cockerina e questa pare un pochino più amichevole così ci possiamo portare anche Nala. Che forse preferirebbe stare ancora dal dogsitter, dato che la cockerina è una scatenata che per 3/4 del tempo le salta addosso (e noi a cercare di farla star giu). Nala ha una pazienza infinita.

Poi quando si rientra a casa la bestiolona crolla, perchè durante il weekend non riesce a dormire anche di giorno, come sua abitudine. E passa il lunedi in coma ahah.
(qui sotto Nala si esibisce in un leonino YAWWWNNN)

I gatti come sempre restano a casa, nutriti e coccolati dalla genitrice che viene a far la "nonna".
Ecco parliamo dei gatti... in questi mesi di silenzio blog Dakota è rimasta Dakota, forse un filo meno assassina ma sempre lei.
Picasso invece ha sfoggiato tutta la sua indole e oramai il suo nome ufficiale è diventato SATANAAAAAAHHHHH :p

Che non è cattivo nè, anzi, è dolce, coccolone, un amore... non è quello che fa... è quante ne pensa e la caparbietà con cui mette in atto i suoi piani malefici.
Sale sul tavolo butta giu la penna, prendi il gatto, digli no, mettilo giu dal tavolo raccogli la penna.
Nemmeno il tempo di sederti e lui è sul tavolo e gioca con la gomma. Prendi il gatto digli no mettilo giu.
Ti siedi e lui sale sulle tue ginocchia, si sporge sul tavolo e butta giu la matita.
Inizi a disperarti, lo chiudi fuori dallo studio, torni al tavolo giusto in tempo per sentire SCATAFASHKABAMM.
Corri di là, trovi nel bagno il beauty del marito a terra, la scopa pure, non trovi il gatto. Torni in studio e lui sta li sul quilt facendo finta di esser sempre stato li e con la faccia da "chi? io?"

Ti arrabbi pure un po', solo che poi lui ti guarda, si alza, viene a darti una capocciata e inizia PURRR PURRR PURRRR... Satanico e pure ruffiano!

Vabbè, ti dici, almeno anche questo quiltino è stato gattapprovato, aprofitti di quei 3 secondi che Satana ha alzato le demoniache chiappe e prendi su il quiltino per appenderlo fuori dalla porta :)

Là, preparativi per natale ufficialmente iniziati.
Lo ammetto, l'albero ho il terrore di farlo! :p


tagz:

Nala ed il CAE

by orkaloca June 8 vita col bernese

Oggi sono una "mamma" orgoglionissima... Nala ha sostenuto il test CAE, un test che certifica l'affidabilità e l'equilibrio caratteriale del cane nelle situazioni da tutti i giorni.

Essenzialmente lei deve stare a qualche metro da me e star buona mentre intorno le succedono cose.

E' stata bravissima, ecco il video :)


tagz:

Divergenze educative

by orkaloca March 29 vita col bernese

Nala ha il vizio di mordicchiare il guinzaglio quando siamo in giro.
Ogni tanto, non un continuo, ma lo fa. Io continuo a dirle di no, lei lascia subito, ma non riesco a toglierle l'abitudine.

Stasera ho scoperto che... quando la porta giu Claudio la fa giocare a "prendi e riporta il guinzaglio" -_-

Graziealcazzo che non le tolgo il vizio!


tagz:

Nuove frontiere dell'addestramento

by orkaloca February 21 animali * vita col bernese

Avere un cane vuol dire doverne raccogliere le pupù.
Tipicamente mollate nel punto più lontano possibile da qualsiasi cestino.
Ne consegue che tu, povero pirl... hemmm... povero proprietario di cane ligio alle regole (cioè unico pirla del paese), ti devi fare millantamila metri con in mano un fagottino di felicità marrone.
chissà perchè vergognandoti ogni volta che incroci qualcuno che addocchia la sacchetta e fa la faccia schifata.

Ne nascono tutta una serie di sotterfugi per nascondere l'immondo fagotto...

Poi un giorno l'illuminazione... e che cavolo, se lei produce perchè devo essere io a portare?

Così con qualche tentativo e un po' di pazienza... Ecco a voi Nala che si porta le pupù!

Ora, com'è che la gente vede me con la pupù-bag e fa la schifata, mentre Nala raccoglie solo cori di CHECCARIIIINOOOO?
Signori guardate che non è che se lo porta il cane li dentro ci sian roselline! :p


tagz: