Acqua & Mare
Il Blog di OrkaLoca

freezer paper de noartri

by orkaloca January 10 tutorial * orka con ago e filo

Tutte coloro che si dedicano un poco al patch sanno che c'è una cosa che equivale un po' al santo graal del patchwork per noi italiane: la freezer paper.
Questa è una carta plastificata da un lato che oltroceano viene usata per avvolgere gli alimenti da congelare e si trova in rotolo al supermercato.
Da noi non esiste e per averla si deve prendere quella in fogli apposta per il patch, a prezzi allucinanti.

In rete esistono poi vari tutorial su come farsi da se una simil-freezer paper, ma si deve aver a che fare con ferro da stiro, carta, buste di plastica da fondere sulla carta, e comunque non viene chissà che roba (fidatevi, ho provato) perchè la plastica fonde troppo o troppo poco e fa le grinze.

Ebbene, ora ho trovato un degno sostituto! E gongolo.
Tutto è cominciato a capodanno, quando sono andata dal macellaio a prender il carpaccio per la fondue.
Prima di me c'era una sciura che ha chiesto al macellaio qualche foglio di quelli che aveva li accanto e nel quale metteva la carne per poi insacchettarla. Li la folgorazione, mi son ricordata che da qualche parte avevo sentito dire che la freezer paper è simile alla carta da salumieri, così presa la carne ho chiesto anche io al macellaio "uno o due fogli".
Me ne ha data una mazzetta intera.

Arrivata a casa l'ho guardata e mi son detta "mah per me non c'entra nulla" e l'ho piantata li. Il tutto per partito preso perchè non avendo mai visto la vera freezer paper non avevo idea di come fosse fatta.
Fino ad oggi.

Oggi scartabellavo sui miei libri di patch e mi è caduto l'occhio sulla copertina di uno che diceva "full freezer paper template inside"
O.o come come? Vuoi vedere che li dentro c'è il template in freezer paper?
Vado a vedere e si, è proprio un template fatto su una carta plastificata... ma guarda guarda, era proprio simile alla carta del salumiere!

Allora è scattata la prova del 9... ho tagliato un angolo alla vera freezer paper, e un angolo alla carta da salumiere, e ho provato a stirarli su un pezzetto di stoffa, l'idea è che la freezer paper si deve attaccare, restare attccata, e staccarsi senza lasciare residui.
Ebbene si, l'angolino di freezer paper lo fa... l'angolino di carta del salumiere.... PURE!!!! (e aderisce anche un poco più saldamente)

Sono troppo contenta! Signori e signore è ufficiale, abbiamo anche noi la nostra freezer paper... e se avete un macellaio simpatico come il mio, è pure gratis! ^___^


tagz:

Happy Endings


Oggi voglio consigliare un libro.
L'ho visto recensito su un blog, e sapete quando avete un colpo di fulmine? Ecco io ho visto la copertina e mi son detta "deve essere mio!"

Ma datosi che a me far le cose facili non piace, ovviamente il libro è in inglese (e questo è il minimo) e reperibile solo via internet dall'estero (non ci stupiamo poi molto no?)
Così fu che a metà dicembre ordinai questo libro su Amazon, e gia che c'ero ne ho preso anche un altro affine, del quale non posso dire ancora nulla perchè deve arrivare.

Il libro che invece è arrivato oggi è "Happy Endings" di Mimi Dietrich

E' costato 19$ (+ 6 di spedizione) ed è un libretto di 75 pagine che vale secondo me ben più del prezzo, per chi come me si dedica ai quilt.
L'argomento del libro sono i tanto amati/odiati/famigerati bordi, e nel volume viene spiegato come farli dalla A alla Z. Dalle tecniche basilari tipo come si chiudono i quilt "a cuscino", come si prepara uno sbieco, come si borda con lo sbieco, alle tecniche più particolari, come i bordi sagomati, o con inseriti i cordoncini, o i bordi con le rouche.
Il tutto spiegato chiaramente sia dai testi (ovviamente si deve sapere l'inglese) che dalle immagini che sono molto ben fatte ed esplicative.

Insomma, a mio avviso un gioiellino di libro :)

Me contenta *_* inutile dire che non vedo l'ora di provare qualche nuovo bordo.

Today I'd like to recommend a book.

I read a review on a blog, and when I saw the cover I said "it have to be mine!"

But you know, I don't like the easy way, so the book is in English and only available via internet from abroad. So it was that in mid-December I ordered this book on Amazon, and it's arrived just today.

The book is "Happy Endings" by Mimi Dietrich

It's a 75 pages book that worth, in my opinion, far more than price, for people like me who likes to quilt.
The topic of the book is the much loved / hated / infamous edges, and it explains how to do them from A to Z. From basic techniques such as pillow-turned quilts or cut and sew a bias, to the more technical details such as scalloped and design edges, or edges with cords or ruffles.
Everything is clearly explained by the texts (of course you must know English) and from images that are very well done and informative.

Well, in my opinion, a gem of a book:)

I'm happy *_* Needless to say I can not wait to try some new binding techniques.


tagz:

MiniQuilt Autunnale

by orkaloca December 29 orka con ago e filo

Un paio di mesi fa mi sono iscritta al Fall-Inspired MiniQuilt Swap su quiltingallery. Lo scopo era creare un piccolo quilt da spedire entro metà gennaio.
Ora... io quando mi iscrivo ad uno swap do sempre le mie preferenze anche in modo abbastanza preciso. Non dico certo "voglio questo e quello" ma dico sempre quali colori mi piacciono e quali no, che soggetti mi piacciono e quali no... questo per due motivi, ovviamente per ricevere qualcosa che mi possa piacere, ma anche e sopratutto per aiutare chi deve lavorare per me.
Io infatti mi trovo sempre spiazzata quando non ci sono preferenze o non ho modo di conoscere la persona per cui devo lavorare.
Uno potrebbe dire "beh sei libera di fare quel che vuoi" ma in realtà per me non saper su che strada muovermi è brutto.

Ebbene questo giro la mia abbinata non ha un blog, non ha specificato preferenze, e pur cercandola in rete (santo google) non ho trovato alcun indizio che mi potesse aiutare.
Così dopo tentennamenti vari ho deciso di fare un miniquilt con uno schema che da tempo ho li e che mi piace molto nella sua assoluta semplicità. Lo trovo molto fine.

La stoffa è cotone, mentre l'imbottitura è sintetica. L'applicazione e il motivo a ondina son fatti a macchina, mentre le scritte, il ramo e la trapuntatura che circonda le foglie son fatti a mano.

E speriamo che piaccia. :)


tagz:

Riminiscenze infantili

by orkaloca December 17 orka con ago e filo * amarcord

Il gene sartoriale l'ho preso dalle due nonne, senza dubbio. Una che si dilettava a far vestiti, l'altra che l'ha sempre fatto per lavoro e tutt'ora lo fa.
Non deve quindi stupire che fin da piccolissima io abbia visto in giro per casa aghi, spilli, macchina per cucire e così via. Nè è strano che ancora in età da elementari io potessi aver accesso ad ago e filo per "far i vestiti" alle bambole... quelle poche che avevo e che non son finite impiccate o rapate.

Ebbene, questo per introdurvi un ricordo che spesso, quando cucio, mi ronza in testa.

Dovete sapere che la piccola Orka era un po' una teppa... non di quei marmocchi iperattivi direi, più di quelli che, annoiandosi facilmente, ne fanno e pensano cento.
E in questo marachellare non ero sola, giammai. Mia fida compagna era S., la mia migliore amica. Lei era moooolto più tranquilla di me, io la portavo sulla via della perdizione :p
Teatro delle nostre vicende era sempre casa di mia nonna, che era vicino casa di S. e dove io ero stabile il pomeriggio.
E anche S., dato che quasi ogni pomeriggio ci vedevamo. Non vedersi equivaleva pressochè alla fine del mondo. (e notate che ci vedevamo comunque ogni mattina dato che eravamo in classe assieme)
Ebbene tra i nostri giochi preferiti c'era "facciamo che eravamo due sorelle e dovevamo cucire il vestito al bambino/cane" (che fosse bambino o cane dipendeva da quale gioco avevo dalla nonna al momento)

Quel giorno avevamo deciso di fare proprio questo gioco, così partì la retata in cameretta di nonna, con conseguente sequestro di due aghi, filo e scampoletti di stoffa.
Giochiamo, cuciamo, ci pungiamo un po', ma il bello sta anche li.
Quando ben è ora di metter via la tragedia... mi casca l'ago e non lo trovo più. Cerca e cerca non salta fuori, e con la leggerezza tipica dei pargoli faccio spallucce e via andare, andiamo a riporre il resto.
Nonna ci vede e chiede "avete messo via tutto? non avete lasicato aghi o spilli in giro vero?" e noi ovviamente "MA CEEEEERTO!"

Si sa le bugie han le gambe corte. A volte più corte del solito. La mia le gambe non le aveva proprio... nemmeno un'ora dopo, camminando in sala, il mio piede ha ritrovato l'ago.
Ovviamente finendoci proprio sopra.
E, dato che io le cose se le faccio le faccio bene, mi ritrovai questo bell'ago infilzato per metà dentro il mio tenero piedino, che allora non era ancora scemo, proprio nel mezzo.
AIOHHH!

Da allora conto sempre quanti spilli uso per fermare la stoffa, o gli aghi che ho nel puntaspilli... e non è per un disordine ossessivo-compulsivo :p

 


tagz:

Copertina finita e QAL The Pond


Ed ecco qua il risultato del lavoro di ieri ^_^ Ne son proprio contenta!
E mò se la prof non la vuole più... non sa cosa si perde, ecco!

(cliccate sulle foto e ingranditele, datemi questa soddisfazione ^_*)

E gia che ci sono vi metto anche lo stato avanzamento lavori della coperta The Pond.
E voi a che punto state, fide patchworkare compagne di QAL ?


tagz:

Lavori in corso

by orkaloca November 18 orka con ago e filo

Dopo aver tergiversato per mesi, oggi finalmente mi son messa a trapuntare la copertina da bimba... e per la prima volta tento le "piume" ^_^
Piccola anteprima:


tagz:

Presepino

by orkaloca November 12 orka con ago e filo

Io non sono una da presepe, però quando ho visto questo schema mi è piaciuto, così l'ho fatto per i mercatini :) Sai mai ^_^
E' un pannellino da appendere, dietro ha i due passanti per l'asta.

Per fortuna in questo caso non ho avuto la tragica fase del rifiuto :p


tagz:

per oggi... sciarpina

by orkaloca October 29 orka con ago e filo

Io le sciarpe le ho sempre detestate, le classiche, fatte a ferri e simili.
Poi ho scoperto, ai tempi del liceo, le sciarpine di stoffa leggera, che ripiegavo in 4, in modo da farle sottili, e le usavo, avvole attorno al collo, più come accessorio che per la funzionalità.
Ora curiosando in giro ho visto che van anche le sciarpe di stoffa, e così ho voluto fare una prova, e ho fatto questa sciarpetta bassa, ancora duble-face da un lato rossa, dall'altro un rosa antico (purtroppo la luce della sera non aiuta coi colori nelle foto)....  ed ogni codina è decorata con strisce di stoffa multicolor.

Mi ci è voluta tutta la giornata, mi ha depressa perchè pareva venir fuori una schifezza immonda... poi grazie alla SantaBrother e ad un punto decorativo, la vita è cambiata da così :( a così :)))

AMMEMIPIACE! :)

(click sulle foto per ingrandire ^_*)


tagz:

Il mistero svelato... i Manicotti

by orkaloca October 28 orka con ago e filo

Ecco qua la mia produzione odierna... Stamane son andata al brico, come prima cosa, per comprare i legni per fare i ripianini, e ne ho fatti due...

Poi mi è preso lo schizzo di realizzare cio che da tempo mi frullava in testa, cioè i manicotti scaldapolsi e mani. Per chi, come me, è allergico ai guanti, sono un toccasana. E sono utili anche per chi ha le mani fredde e magari non può lavorare coi guanti :)
Io li ho scoperti un paio d'anni fa e non me ne separo più... così oggi ne ho fatti anche da vendere.

Sono in velluto, e sono tutti duble-face, in due colori così prendendone uno si possono avere due abbinamenti di colore. E se mi conoscete un tantinello gia sapete quale è stato il primo paio fatto, quello che mi terrò io ^_*

Una volta fatto il primo paio mi son detta "Eggià e se la gente non capisce a cosa servono? Mi servirebbe un espositore a manina"
Così, detto fatto, mi son messa all'opera con stoffa, ago, filo, legno, e due immancabili strumenti: sparapunti e colla a caldo.
E cio che ho partorito è stata questa manina, che sta bella in piedi sulla sua base, da vestire col manicotto. Non so se sia più carina o più kitsch... in ogni caso per halloween andrà benissimo... fa molto alba dei morti viventi :p


tagz:

per incuriosirvi

by orkaloca October 28 orka con ago e filo

Cosa vi sto combinando... ma cosa vi sto combinando....

BUAHAHAHAHAH 


tagz: