Acqua & Mare
Il Blog di OrkaLoca

A Natale siam tutti più buoni

by orkaloca December 16 incazzereccia * sgrunt * parentado

Avete presente l'orka acida che conoscete? Quella a cui vi siete affezionati? Quella la cui acidità ha selezionato l'audience facendo sì che rimaneste in tre forse?
Ecco tranquilli, quell'orka lì non ci riesce proprio a esser più buona.  Nemmeno a Natale.

Che devo dirvi ho appena finito di litigare con mia nonna. Che ha quasi 91 anni. E ANCORA GUIDA.
E non c'è verso di levarle l'auto da sotto il culo.

Sono anni che si cerca di non farle passare il rinnovo della patente... lei oramai ha mangiato la foglia e sapete che ha fatto quest'anno? Ha detto che a patente scaduta non l'avrebbe rinnovata più. Noi tutti tranquilli, sospiro di sollievo... Peccato che due giorni dopo sia arrivata tutta giuliva "guardate guardate mi hanno rinnovato la patente" (perchè è furrrrba, senza dire niente a nessuno zitta zitta è andata a farsi il rinnovo) 

In questi giorni poi si è consumato il dramma vendita-auto. La si era convinta che tenere lì la macchina ferma fosse solo una spesa inutile. Suvvia nonna se devi andare da qualche parte ti ci accompagnamo noi.
All'inizio convinta della cosa, quando ben la faccenda è diventata seria ed è saltata fuori una persona interessata, ecco che lei si è incupita, chiusa in se stessa, ha fatto muro ed ha attivato la modalità senso di colpa e voi mi volete morta.
Per un caso della vita poi la persona interessata ci ha ripensato, quindi la macchina è ancora lì... e peggio che mai nonna è convinta di aver vinto una gran battaglia.

Oggi mi dice "E comunque per la macchina ho vinto io!" In un tono che se ve lo avesse detto vostro figlio lo avreste spedito in camera chiuso la porta e buttato la chiave.
Le dico che non era una guerra, ma secondo lei si.
E insiste "tanto avete paura, ma può succedermi di tutto anche se esco di casa e vado a prendere il pane"
Si peccato che in realtà noi non ci preoccupiamo per lei, ci preoccupiamo per gli altri. Perchè è un attimo che qualcuno passi per strada senza guardare, succede ogni giorno.
"ma perchè deve passare prorpio davanti a me! Allora può capitare pure a te! io sono solo più vecchia."
Perchè succede nonna! capita! E se capita tu non hai i miei riflessi.
La sua risposta? "Ma tanto a me non mi capita!" Giuro ha detto "a me non mi" (nonna non è mai stata sgrammaticata, nemmeno un po'), come un bambino di 5 anni e nello stesso identico tono da Pappappero e CiccaCiccaBù.
Ma niente da fare. Non la capisce. E anzi a riprova delle sue immani doti di guidatrice mi dice che oggi ha preso la macchina, è venuta a prendere il giornale, poi è andata a prendere le uova, e non è successo niente.

E qui si lo ammetto, son stata veramente una stronza, ma quando te le tirano fuori.... le ho detto che si, speriamo che il signore guardi giu e continui a non succedere niente, per il resto ognuno si prende le sue responsabilità.

A questo punto lei mi ha messo giù.

Si lo so che gli anziani andrebbero trattati con rispetto etc etc... ma anche quando diventano un concreto pericolo per gli altri?

Mah man mano che va avanti questa storia penso sempre più che sarebbe meglio se alla macchina CASUALMENTE si guastasse in modo irreparabile un qualche componente piccolo ma fondamentale.


tagz:

Latte di squalo

by orkaloca December 8 incazzereccia * sgrunt

Finita la prima settimana di corso sulla felicità posso dire un paio di cose:
1) Al corso sottende uno strisciante buonismo 
2) Se tento di fare l'esercizio "tre cose che mi han fatta felice" nel 90% dei casi c'entra Nala
3) Ho inquadrato almeno una cosa mi fa infelice

Questo ultimo punto in particolare merita approfondimento. La fine della prima settimana è coincisa, oggi, con la fine dei miei 10 giorni sabbatici da FB.

Una cosa che ho capito in questi 10 giorni è che l'unico modo per essere completamente fuori da FB sarebbe non connettersi proprio ad internet. Perchè oramai quasi tutti i siti sono interconnessi con FB e capita che leggi un post su un blog e sotto trovi sia i commenti diretti fatti sul blog che quelli di FB fatti dagli utenti in risposta al link del post condiviso su FB. Suona incasinato ma il fatto è semplice, leggi FB anche se non lo vuoi.

Altra cosa che ho notato è perchè, in che occasioni, mi manca FB. FB mi è mancato quando avrei voluto condividere una foto o un video. Fine. Non mi è mancato ficcanasare nelle bacheche altrui, cosa che ammetto gia ora non faccio, non mi è mancato perdermi i video o i link virali. Mi è mancato ammorbare tutti con foto e video di Nala :p (che sta imparando a fare "orsetto" ed  troppo carina. Potremmo quindi dire che FB appaga il mio personale istinto da mamma esibizionista (guardate mio figlio quanto è bello buono e bravo, come lui nessuno mai)

Infine ho chiaramente notato che... senza FB sono mooolto più serena. Mi son data al forum di acquariofilia, a fare i regali per natale, al cazzeggio in rete (perchè, a proposito, se vuoi cazzeggiare lo fai con o senza FB, non è FB che porta al cazzeggio ma viceversa)... e in questi 10 giorni non mi sono arrabbiata.
No giuro.
Non ho dovuto vedere ogni giorno la riprova che il luogo più abitato da parameci e amebe è FB.

Ma oggi è scattato il giorno X... ho riaperto FB. E gia mi chiedo... PERCHEEEjQuery152011972093768417835_1418052949173?
Non potevo starmene a fare l'orso per conto mio?

Insomma entro, guardo le notifiche, rispondo qua e la, controllo la "home" e li tra tutte le news dai vari "amici" mi compare questo post, un video condiviso.
Il video ve lo risparmio, tanto lo avrete magari anche gia visto, gira come "uomo aiuta 3 squali a nascere"
Il realtà si vede un tizio che armato di coltello tenta molto maldestramente di aprire il corpo di uno squalo spiaggiato e morto, tra gli sghignazzi di varie persone, dalle voci sia adulti che ragazzini.
Procedendo a caso, palesemente animato dal "nobilissimo intento" di vedere cosa c'è dentro uno squalo, e nessun altro scopo,  l'uomo riesce a far uscire i visceri dell'animale "oh questi forse sono gli organi", dice.
FORSE??? Ma non so vedi tu...

Una coltellata qua e una la, sempre più a caso, sulla spiaggia si riversa "l'utero" dello squalo, e si vede che si dibatte per la presenza dei tre feti.
Grida tipo "ho visto alien", caos, terror panico serpeggiante... Il tizio in un tempo ridicolmente lungo libera uno squaletto e a colpi di mano cerca di gettarlo verso l'acqua, col risultato di sbatacchiarlo inutilmente sul bagnasciuga.

Qui ho smesso di guardare perchè gia mi stava montando l'impulso omicida.
Impulso che è esploso leggendo il primo commento che così recitava "saranno già morti dopo 1ora, senza latte materno senza nessuno che li abbia accuditi.. dovevano tenerli in acqua mentre aspettavano aiuto da parte di un veterinario"

No dai avrò letto male... spetta che rileggo.... SENZA LATTE MATERNO...

Cazzo c'è scritto davvero

LATTE MATERNO

UNO SQUALO??? 

E QUESTA E' GENTE CHE HA DIRITTO DI VOTO?

Inutile dire che mi è partito l'embolo acido, ho iniziato una crociata informativa sul fatto che, no, lo squalo non fa il latte e non bada ai piccoli, e subito ho deciso che forse se sto ancora un po' lontana da FB è pure meglio.

Perchè è questo che mi fa infelice, incazzarmi come una biscia perchè la fuori ci sono i paramecervelli 


tagz:

Non sono isterica...


...è che mi riducono così!

Ve li ricordate i bei tempi di Nala cucciola e io isterica per il troppo contatto umano?
Giusto ieri pensavo "va che bello è un bel po' che non trovo strani personaggi in giro"

L'Universo ha sentito, ha frainteso, e mi ha mandato quel che secondo lui non vedevo l'ora di incontrare.
L'ennesima biscottinatrice coatta.
Ma con una piega diversa dal solito.

Codesta signora, anzianotta, gira con due cani, uno meticcio rossiccio non tanto anzianotto, l'altro un pastore tedesco grigionero sciancato e vecchio come Noè.
In passato è successo di fermarsi a chiacchierare mentre i cani facevan le loro cose da cani. E tutto bene.
Poi che vi devo dire, questa ha preso confidenza e ha iniziato ad allargarsi.

Un giorno Nala le si è avvicinata e lei oltre alla solita carezza TRAC le ha pure elargito il biscotto. Velocissima.
Quanto pensate ci abbia messo Nala a capire che quella signora molla biscotti?
La volta dopo ovviamente si è subito puntata alla tasca e TRAC velocissima quella le caccia il biscotto. Non faccio in tempo a fermarla, ma le dico che preferisco non abbia biscotti.

Oggi la incontro ancora, si trattiene, Nala sente l'odore e le si mette davanti puntando alla tasca. Il fatto che questa tenesse le mani in tasca non aiutava.
Quella era tutta un "oh che carina, cosa vuoi è? è?"
E io "eh lo sa che ha i biscotti, ma lei non glieli dia, non voglio che mangi fuori pasto o prenda dagli estranei"
Lei "ah no no ma io non le do niente"
Tempo MEZZOSECONDOMASSIMO ed eccola tirar fuori il biscotto e allungarlo a Nala.

Mi son incazzata.
Prima, sperando di fermare il momento, ho esclamato NO! NO! ma figurarsi Nala aveva gia ingollato.
Al che mi son risentita e scocciata ho detto "Signora se lei fa così mi rovina tutto l'addestramento che sto facendo col cane. Le ho insegnato a non mendicare dalle persone! Ora per colpa sua io la devo sgridare perchè fa una cosa che non deve!" (ok no non mi rovina tutto l'addestramento ma sicuramente quello volto a non farla essere rompina con le persone)
E quella che mi risponde? "Eh vabbè ma noi che abbiamo i cani lo sappiamo" sott'inteso sappiamo che i cani mendicano.
No col cazzo, se tu vuoi che il tuo cane mendichi fai pure ma il mio no. Anzi gia che ci sei magari insegna al tuo cane a non saltare addosso a tutti per meza coccola, dato che è quello che fa appena mi vede. Mi corre incontro e salta su.

Ho richiamato Nala incamminandomi e lei ovviamente non ne voleva sapere, puntando sempre la tasca. L'ho richiamata con un urlo secco NALA! VIENI! e poi alla signora "vede?"

Abbiam proseguito il nostro giro e abbiamo re-incrociato la sciura davanti casa (perchè giriamo nei sensi opposti attorno a uno stesso isolato). Mi ha guardata un po' storta.

Ora io capisco che poi passo per quella schizofrenica che si sveglia con la luna storta, ma la verità è che la gente man mano che la incontri si prende sempre più confidenza e questo non va niente bene.
E' ovvio che la confidenza te la puoi prendere fino a un certo punto, poi la corda se la tiri si rompe.

Biscottinatori compulsivi del piffero!


tagz:

Torno io

by orkaloca March 20 incazzereccia * sgrunt

No perchè qui a furia di parlar di gatti e cani va a finire che vi scordate quanto possano esser alti i miei livelli di acidità!

E stamattina ho avuto un travaso di acidume che non posso non condividere!

Antefatto: andiamo a prendere Picasso e lo vediamo la prima volta bello spaparanzato sul ripiano più remoto del tiragraffi più alto... Portato a casa il micio ci vuol poco per capire che è un arrampicatore nato.
Così, dato che comunque ci pensavamo da un po' anche per la Kota, decidiamo di cercare un tiragraffi ad albero. Usato però, perchè nuovi costano un botto.

Bene, nei giorni scorsi ho tenuto d'occhio ebay, specie la sezione con gli annunci della provincia. Finchè ecco che domenica trovo quel che fa per noi, un bell'albero tiragraffi alto 170, con cucce amache e ripiani. A 50€ poco usato. Affarone, sapendo quanto costano sti cosi!

Mando una mail alla venditrice, mi dice di chiamarla, la chiamo. Ci accordiamo per il giorno per il ritiro, cioè stamane. E notare che scegliendo il giorno le ho detto proprio "mercoledì 20"

Stamane quindi salto in auto e vado a milano, in una via non proprio vicinissima ma almeno comoda con la tangenziale. 40 minuti per arrivarci, comunque, considerando anche l'attraversamento di melegnano.

Arrivo, puntualissima come mio solito, e citofono.
"si?"
"buongiorno, sono Silvia, son venuta a ritirare il tiragraffi..."
mi mettono giu. E non aprono.
Dopo un po' esce la donna dei mestieri "la signora non è in casa!"
EhhhhjQuery152011863326317520828_1363777064701?
Ancora ottimista spiego che devo ritirare l'albero per i gatti e le chiedo se per caso non abbia lasciato detto a lei.
Lei "chiamo la signora"
Sparisce... dopo due minuti torna... la signora non risponde.

Inizio a innervosirmi ma caso vuole che nel mentre dalla via torna "la signora"
Mi fa accomodare e subito la cosa si mette male perchè inizia "ma lei ha gia parlato con mia figlia? perchè io non so quale dei tre graffiatoi deve prendere... perchè sa ieri smontandolo uno si è rotto...."

Parte un giro di telefonate in cerca della figlia, che riesce a contattare solo dopo 10 minuti buoni, ma che ve lo dico a fare, il graffiatoio rotto era proprio il mio.

Salta fuori che sta tipa pensava che io sarei andata la domani, che si è confusa, che magari mi avrebbe avvertita oggi con calma... eh però guarda c'è il tiragraffi da 2 metri a 70€ o da 1 metro a 50€
Ho detto ovviamente di no, se li tenessero i loro tiragraffi, e ringrazia che non ti mando affanculo in diretta, anche se si capisce benissimo dall'occhiataccia che ti do.

Son tornata a casa meditando tremenda vendetta, pensando "mò vedi che feedback rosso fuoco che ti lascio"... e invece oltre al danno la beffa! La tipa ha tolto l'annuncio! quindi ciccia!

GRRRR

Vabbè, non mi resta che vedere il lato positivo, ho cercato tra i venditori professionali ebay e di tiragraffi a buon prezzo, anche grandi, se ne trovano. Nuovi. Spediti a casa.

Però che acidume che m'è montato!


tagz:

Cose rassicuranti

by orkaloca February 5 incazzereccia * sgrunt

Due fatti, separati ma simili.

1 - Alla ricerca della pompa perduta

Il 27 ordino su ebay una pompa dosatrice per l'acquario.
Il 28 mi arriva mail di conferma spedizione con il link al tracking con... Bart0lini ARGH la cosa rossa più pericolosa sulle strade italiane! (anche se ultimamente soffre la concorrenza dei camion di Mond0Convenienza)
Me la aspetto per il 30 o 31. Resto a casa. Non si vede nessuno.

Vado a vedere il tracking e indovinate, risulta tentata la consegna DUE volte con relativi avvisi. Che non ho trovato!

Vuoi perchè con la storia di Nala a farmi saltare i nervi sono particolarmente sul piede di guerra in questi giorni, vuoi perchè son una rompiballe di mio, chiamo il negoziante (che per altro sta a catania) e gli spiego il fatto. So che lui non ne puo nulla, ma gli spiego che lo chiamo per fargli sapere del disservizio e che se per caso gli rispediscono la merce è colpa del corriere non certo mia che ero a casa!

Molto gentile mi chiede di mandargli una mail scrivendo l'accaduto e che contatterà lo spedizioniere.
E in effetti la sera dopo (venerdi) mi richiama e mi dice che han rimesso in consegna la merce per il primo giorno utile, quindi ieri. Concordiamo il passaggio in mattinata.

Che ve lo dico a fare, non s'è visto nessuno nè di mattina nè di pomeriggio.
Vado a rivedere il tracking e sorpresa, non solo non risulta in consegna ma risulta che abbiano tentato una consegna il 31 sera alle OTTO PASSATE! Comunque no non son passati.

Ieri sera quindi richiamo il negoziante, che non ne potrà più.
Stamane il tracking mi da un "rimessa in consegna"... a questo punto incrocio le dita.

 

2 - Silvia Jones e l'ufficio postale maledetto

Stavolta son io a spedire... devo mandare una busta con le bolle alla socera a padova.
Vado alle poste del mio paese, ci passo davanti in auto, le vedo zeppe... decido di non fermarmi e andare alle poste del paese accanto.
Vado, wow una persona allo sportello, una davanti a me con un bollettino e poi io. Beh dovrei cavarmela velocemente.
Illusa!
Quella allo sportello aveva millantamilioni di cose da fare... raccomandate... vaglia... prelievo... Intanto che il suo sportellista con lentezza tipica postale faceva queste cose è arrivata un'altra sportellista che, con flemma tipica postale, si è sistemata ed ha preso il posto del collega.

Il collega ha aperto lo sportello accanto e in 15 secondi ha sbrigato il bollettino.
Bene, mi dico, mo tocca a me... INVECE NO!
Perchè quello è lo sportello solo BancoPosta! Quindi io devo aspettare che quella prima di me finisca. Ed èstato in questo momento che quella ha raccolto le carte delle raccomandate ed ha sfoderato altri dodici moduli.
Ho atteso un istante per capire come si sarebbe messa la situazione, quindi mi son girata e me ne sono venuta via.

Secondo passaggio all'ufficio postale, stavolta vuoto, tralasciando sul fatto che ho dovuto parcheggiare inculoailupi perchè accanto all'ufficio i tuttofare comunali dovevano soffiar le foglioline... (si sono acida perchè dove c'è poste e comune son sempre li a soffiare foglioline, tagliar l'erbetta etc, di qua prima che taglino l'erba delle aiole... fai prima a farti strada col machete! Abbiamo in via un lampione rotto, han smontato la luce, secondo voi quanti secoli passeranno prima che lo sistemino? etc etc)

Vabbè entro, do la busta alla tipa e lei TREEUROEVENTI!
O_O COOOOSAAAA?
Devo aver fatto una faccia assurda perchè mi dice "Eh sa da gennaio son aumentate le tariffe"

MASTICAZZI!

 

E quindi alla fine dell'avventure due pensieri mi son venuti in mente:

- mi son ricordata una volta in più perchè ho smesso di usare le poste

- certe cose non cambiano mai e su di loro puoi sempre contare


tagz:

Il mondo finirà e non saranno i Maya

by orkaloca December 7 incazzereccia * sgrunt

Ecco sappiate che il mondo sta per finire e no, non sono i Maya ad averne la colpa!
La colpa è di un nemico ben più subdolo... che ti fa perdere i denti, ti compromette i reni, ti fa venire l'endocardite, la setticemia, ti ruba la scarpa sinistra, ti fora la gomma dell'auto e fa rieleggere il Berlusca... lui è...

IL TARTARO!

Ecco come avrete capito son stata dal dentista.

Motivo della visita? Essenzialmente un controllo post-incidente e sopratutto chiedere il da farsi per lo splintaggio e perchè mi si bloca la mandibola.

Ebbene lui dell'anamnesi se ne è bellamente infischiato ascoltandomi a malapena, del problema della mandibola se ne è fregato rimbalzandomi allo gnatologo, dello splintaggio ha detto che lui li cambia solo se si rompono e comunque la questione denti-mascella-splintaggio l'ha rimbalzata al maxillofacciale (che all'epoca aveva detto che era di competenza dentistica)...

L'unica cosa che gli interessava? Che OMIODDIO ho il tartaro. UHHHHH
Ha passato mezz'ora a farmi la paternale sui mali del mondo che son causati dal tartaro.
E io li a pensare "oh ma quando la pianta?" perchè se c'è un approccio che con me proprio non funziona è il terroristico-paternalistico.

Finita la paternale inizia a dire che il tartaro va tolto ma che magari poi i denti ballano perchè senza radiografia non si può sapere se c'è l'osso per tenere i denti... e che carie non ne vede ma tra un dente e l'altro non si sa... che serve la panoramica... (leggi se faccio cose e vanno male è colpa tua non mia)

E dico vabbè, facciamo sta panoramica!
Lui "ti faccio la richiesta"
io "ecco tre mesi di coda, allegria"
lui "ehhh ma nooo"
io "si si l'altra volta 3 mesi!"
lui "beh se proprio non trovi a breve te la facciamo noi qua, però costa 30€"
Interviene la genitrice "eh beh ma col tiket non costerà tanto meno..."
lui "29 euro!"
No cioè ma un bel mavaccagare no?

Totale aspetto 10 minuti e mi fanno la radiografia li al volo.

Io la guardo e gia intuisco.
Poi torna il dentista la guarda e mugugna "mmm beh no... l'osso c'è e di carie... non ne vedo" Poi proprio perchè non poteva far la figura di merda completa, dopo tutta la gufata di prima "mmm forse qua tra questi due denti"
Seee come no e gli asini volano! Fidati ciccio che non ho carie! E si lo so che ti sta rodendo il culo!

Vabbè epilogo, tra due settimane vado a togliere il tartaro cosi anche la genitrice è contenta e poi ciao nani.

In vita mia l'unica decente a mettermi le mani in bocca è stata la mia compagna del liceo, ora dentista. Peccato che sia cara e in culo ai lupi. Vedremo.


tagz:

Una donna non è le sue tette

by orkaloca November 8 incazzereccia * riflessivando

Ed una mamma non è la sua capacità di produrre latte!

Ecco l'ho detto!

Oggi ero gia pronta a prender in mano la levigatrice quando mi squilla il cellulare. E' la mamma della mia amica.
Ho un tantinello sudato freddo quando ho realizzato chi fosse, che se ti chiama la mamma ti preoccupi e ti fai dei film mentali assurdi.

Fortunatamente non era accaduto nulla di grave grave, però l'amica era stata dalla pediatra che le ha detto che la pupa dovrebbe pesare di più e di fare l'aggiunta di latte artificiale. (notare che la pupa comunque è in perfetta salute, solo che è lunga e magra, non tipo i cicciobelli guance-a-mela che si vedono in alcune carrozzine)
E lei ci è rimasta malemalemale.
(mettiamoci poi che la pediatra in questione è una scassacoglioni del tipo "io ho allattato i miei figli così" "io pesavo cosà" "io li ho svezzati colì" "loro facevano la pupù cosè" e per lei tutti dovrebbero esser uguali)

Così la mamma, che era preoccupata perchè non poteva star con lei, mi ha chiamata per chiedermi di parlarci un poco.

Detto fatto, anzi di più, perchè l'ho si sentita al telefono, ma per dirle qualcosa tipo "vengo li a prendere il caffè"
Perchè in virtù del passato post sulla mia stitichezza emozionale, io non sono quella che ti chiama tutti i giorni ma son quella che non ci pensa due volte a saltare in macchina.

Poi conoscendo il mio polletto sapevo che lei non mi avrebbe chiamata nè avrebbe chiesto una mano, è come me, una che tende a rimuginare da sola sulle cose.
Che non sempre è un bene.

Specie se son cose che minano la tua autostima, fiducia eccetera eccetera.

Gia perchè io lo so che lei si è fatta il film mentale dell'allattamento esclusivo al seno, della tetta fino all'anno, un po' si è fatta l'idea lei, un po' gliela avranno fatta le talebane dell'allattamento a tutti i costi.
Ma sapete quante ce ne sono così ? (sia di talebane che di talebanizzate)

Poi al primo accenno della parola "latte artificiale" vanno in crisi. Ed eccola qui a sentirsi inadeguata, incapace e compagnia bella.

La cosa mi ruga e spiace perchè la conosco, so che tipo è, quanto adora quella pupa, so che è e sarà una mamma fantastica, e non è la capacità (o incapacità) di produrre secrezioni apocrine di qualche ghiandola mammaria che la farà più o meno brava e capace.

A me fa letteralmente INCAZZARE che invece le mamme vengano messe sotto questo torchio al galattosio.
Per non parlare delle pressioni da parto naturale!

E se non partorisci naturalmente e se non produci 10 litri di latte grassissimo al giorno è perchè NON VUOI... e non vuoi bene a tuo figlio... e sei egoista... e sei inadeguata...

Ma un bel MAVACCAGARE non ce lo mettiamo?

Si vede che son un po' incazzosa sull'argomento nè?

E' che mi piange il cuore vedere demolita la fiducia di una persona per una singola cosa, quando so benissimo che quella persona è al mondo una delle più adatte a far il mestiere che s'è scelto.
Quando ci sono in giro certe scellerate che non avrebbero nemmeno dovuto esser dotate di un sistema riproduttivo... Però, oh, producono litri di latte e bambini vitelli... e allora cavolo che mamme fighe che sono!

MA SGRUNT!


tagz:

Question

by orkaloca March 17 incazzereccia * sgrunt * animali

per i canemuniti...

ma anche voi ad ogni uscita trovate qualcuno che vuole foraggiare il vostro cane?

No dico, non è che Nala sia un povero cucciolo denutrito senza padrone, che è sto vizio di tentare di darle di tutto dalla brioscina alle crocchine al biscottino?

Cazzarola ma lo vedi che ha un padrone attaccato al guinzaglio?

1) non si foraggiano gli altrui animali, che non conosci, non sai se possono mangiare quello che tu dai, non sai se sono a dieta o che altro

2) comunque sia per lo meno chiedi il permesso a quel povero essere su due zampe che tiene il guinzaglio! Non puoi mica cacciare così sotto il muso del cane la prima cosa che ti trovi in tasca!

3) diciamocela chiara, cosa ne so io che non sei uno squilibrato che ha avvelenato le crocchette? Non è che siano una novità i bocconi avvelenati nelle zone frequentate da cani, se permettete quando una ha biscotti per cani in tasca ma non un cane a seguito a me il dubbio viene. E si lo so che a pensar male si fa peccato, ma magari si salva il cane!

Che poi se ti fermo al volo e ti ringhio un "no il cane è a dieta" (e credimi è il minimo perchè l'istinto è dirti ben di peggio) passo pure per scortese.

Se poi come oggi vieni anche a dire al cane "ohhh sei gia botolina?" quando ho un cane decisamente magro devi solo ringraziare che non mi ti magno ma mi limito ad allontanarmi!

No decisamente non son fatta per il tipo di socialità che implica avere un cane. O per lo meno non sono pronta alla socialità con il 90% delle persone che si fermano a fare osservazioni sul cane.

Non ho problemi se ti avvicini e pastrugni il cane, davvero, se lo fai con garbo, ma se provi a foraggiarlo mi viene da staccarti un braccio.

Dico, orco mondo, ma andresti mai in giro a distribuire biscotti e caramelle ai figli degli altri? Senza chiedere ai genitori? NO!

Allora perchè devi farlo col cane?

GRRRRRR

Seriamente, non vedo l'ora che Nala diventi grande, scommetto che quando sarà grossa, pelosa, nera con due fauci così in bella vista (perchè i bernesi tengono la bocca aperta spesso e volentieri) le sciure biscottomunite si guarderanno bene dal tentare il foraggiamento coatto.


tagz:

Quando i gatti son via... le cose si fan complicate

by orkaloca August 8 incazzereccia * sgrunt

Ovviamente i "gatti" sono i genitori, che ora son in sardegna in vacanza. Peccato che qualcuno ancora non capisce che se della gente sta in vacanza, sta in vacanza e fine, non si può pretendere che gestisca le cose come quando è a casa.

Questa persona, leggi nonna, doverebbe imparare a togliere i "miei" dall'equazione quando sono in vacanza, e i miei dovrebbero imparare loro stessi a togliersi dall'equazione. Perchè io posso gestire nonna, ma non posso gestire nonna che ha parlato con loro e a me dice una cosa a loro un'altra e poi devo gestire loro che han parlato con nonna e mi riferiscono cose che per me non hanno senso perchè mi manca il passaggio di mezzo.... 

Questo il fatto:

Ieri mi chiama nonna "sai non mi funziona più il cordless"
Le dico "vengo li oggi pomeriggio a guardarlo? Devo prendertene un altro?"
Lei "maaahhhh noooo non serve, domani lo faccio vedere al custode che se ne intende"
Io "va bene nel caso fammi sapere."

Ora da cio cosa capite? Che il telefono non va, che non vuole che vada a prendergliene uno, che lo fa prima vedere al custode che magari lo sistema, che nel caso mi fa sapere.
Giusto?

Ecco ora veniamo alla sera. Mi chiama la genitrice: "mi ha detto nonna che vai a prenderle il telefono nuovo, mi ha detto di dirti che lo vuole con il vivavoce e i tasti grandi"

Cado dal pero "no veramente io mi sono offerta e nonna mi ha detto di non andare a prenderlo"

Attenti che ora le cose si fanno complicate... stamattina mi chiama nonna: "volevo dirti che la presa del  telefono ha tre buchi!"
O.o ovviamente non capisco perchè mai mi debba dire cio. Le dico "e quindi?"
Lei "ma non hai sentito tua mamma ieri?"
Io "si ma mi pareva chiarito che non dovessi prenderti un telefono"
Lei "eh si ma poi ho sentito tua mamma e le ho detto di dirti se me lo prendi...."

MA PORCA PUTTANA (e qui il francese ci sta tutto) 

Catechizzo nonna che le cose deve dirle a me, non a mia madre dato che lei non c'è, quindi le dico che ok martedi vado a comprarle il telefono
"vengo con te?" mi dice.... NON SIA MAI! "no nonna non serve"

Metto giu, per vedermi richiamare dopo 23 minuti, ancora nonna "no volevo dirti che serve con il vivavoce, i numeri grossi e la spina con tre buchi"
-___- siiiii nonna...

Ok ora un po' di autoconvincimento... ce la posso fare... ce la posso fare...


tagz:

Acidità equa e solidale

by orkaloca March 29 Privato * incazzereccia * cinismi * sgrunt

Oggi leggo un blog e trovo un post sulla fiera "fa la cosa giusta" sul vivere sostenibile e sul commercio equo e solidale.

Io non sono andata alla fiera, chi scrive il post si, e lamenta le seguenti cose:

- poche delle cose proposte come "eque e solidali" erano a prezzi bassi
- c'era poco "usato" specie nel vestiario
- il vestiario presente se non usato era artigianale con proposte non economiche e di scarsa portabilità (le definisce come quelle cose che se le metti ti additano come "quella strana") per lei che lavora.

Tra post e commenti poi saltan fuori parole di lode al sostentamento delle attività artigiane (sempre straniere, tipo ricamatrici in capo al mondo e così via) e del commercio a Km0, senza imballi e compagnia bella. Ah e i prezzi minori degli artigiani all'estero.

Allora, a me tutto cio m'ha fatto riflettere... in ordine sparso:

- I vestiti che definisce importabili lo saranno forse per lei, per le sue esigenze, a confronto col suo stile, ma ci sono altre persone come me che quei vestiti li comprano e li mettono tutti i giorni. Fortunatamente non siamo tutti uguali :) E fortunatamente non si vive al lavoro quindi se ad una persona i vestiti strani piacessero potrebbe pure metterli al di fuori del lavoro. Inutile quindi lamentarsi di un prodotto che non è di per se sbagliato, semplicemente non rientra nello stile personale.
Io non indosso i tacchi, per fare un paragone, ma mica mi lamento che dallo scarparolo vendono le scarpe coi tacchi!

- La tendenza ad aver vestiti artigianali "strani" non è moda, è necessità. Se uno vuole prendersi una gonna a tubino da tutti i giorni va da OVS non dall'artigiano, perchè l'artigiano costa. Quindi l'artigiano deve offrire qualcosa che a parità di prezzo di vendita non sia reperibile nella grande distribuzione. Non possiamo competere coi prezzi delle grandi catene, ma possiamo competere in qualità e stile. Ovvio che lo facciamo.

- Non si può pretendere che qui un abito di sartoria costi come un abito di sartoria fatto da un'altra parte. Pure usando la stoffa del cliente qui le macchine e la loro manutenzione, i filati, le attrezzature hanno un costo maggiore che altrove. Inoltre la vita costa di più che in altri posti. Parlo per esperienza, se vivessi altrove probabilmente potrei permettermi di fare prezzi più bassi, ma vivendo qua no.

- La gente non capisce che "equo e solidale" non è sinonimo di "te lo tiro dietro a poco prezzo". Però è buffo vedere come chi dice di credere nel commercio equo e solidale ci creda in realtà solo finchè il commercio è equo per lui. Del produttore chissefrega.

- E' bella l'idea di sostenere l'artigianato, di ridurre imballi e trasporti... ma poi si cade nella sindrome della crocerossina e si van a sostenere realtà lontane millemila km da casa (altro che km0 del prodotto) invece che tentare di sostenere le realtà artigiane locali. Ma che volete fare, dire che si è preso il pantalone fatto dalla sartina della nazione vattelapesca, che così si è comprata il pane, fa molto più figo che dire che si son comprati i pantaloni fatti dalla sarta vicino casa. Anche se pure lei così si è comprata il pane.

Mah a me tutti sti discorsi di sostenibilità ed equosolidarietà mi fan venire i vermi. No non per il concetto di base, che è giusto, ma per come vengano usati alla stregua di un feshion-maglione-di-moda. Applicati come e se fa figo.


tagz: