Acqua & Mare
Il Blog di OrkaLoca

Cose illogiche

by orkaloca November 12 io me

Non sono nemmeno a metà del lavoro per lo studio...
... ma penso a che piantine vorrei sul davanzale

Non so quali e quanti spazi orizzontali liberi avrò...
... ma fantastico sull'avere in studio l'acquario

C'è ancora odor di vernice, è spoglio e c'è l'eco...
... ma mi son gia accoccolata a lavorare sulla sedia a dondolo

Non c'è dentro nulla che mi serva...
... eppure mille volte al giorno ci entro e rimiro le pareti


tagz:

Extreme Makeover Studio Edition 07: la pistola a spruzzo

by orkaloca November 12 faccio da me * cose di casa

Oggi è stato il grande giorno, ho affrontato il mostro... la pistola a spruzzo.

Mi faceva paura non tanto l'uso quanto tutta la faccenda della preparazione e della pulizia.

La preparazione perchè la vernice deve avere la gusta viscosità e da manuale si dovrebbe:
- provare la viscosità col simpatico viscosimetro in dotazione
- diluire un campione di vernice
- riprovare
- ripetere i de passi precedenti fino alla viscosità adatta
- diluire in proporzione tutta la vernice

Io che son pigra gia a legger le istruzioni mi sento stanca.

Non parliamo poi della pulizia:
- smontare svuotare e pulire il serbatoio
- rimontarlo con l'acqua e spruzzare per pulire il condotto
- smontare la pistola, disassemblare il sistema dell'ugello, pulire il tutto

Vai a vedere i disegnini del sistema dell'ugello e scopri che è come smontare e rimontare un fucile O.o

Però alla fine ho messo da parte i miei timori e ho deciso di affrontare la situazione.
Prima ho affrontato la vernice, che sul barattolo in realtà ha anche scritta la diluizione per la pistola a spruzzo, ma io ovviamente mi facevo millemila paranoie... e se non va bene? e se è per un'altra pistola a spruzzo? e se la diluisco troppo?
Alla fine ho chiuso gli occhi, mi son fatta forza e... ho diluito come da istruzioni del produttore, perchè di far la trafila del viscosimetro non avevo proprio voglia.
(inutile dire che poi la diluizione si è rivelata giusta giusta :p)

Poi ho affrontato la pistola.
Ho deciso di provare a smontarla e rimontarla prima di usarla in modo da non doverlo fare la prima volta con tutta la vernice in giro.
In realtà ho poi scoperto che la pistola non si sporca come pensavo :) ma non sapendolo ho fatto la mia prova.
Smontarla non è nulla di difficile... svita qua svita la sfila l'ago... fine.
Ma rimontarla... rimontarla è stato un cinema perchè va tutto al suo posto senza problemi tranne l'ultima infida vite che deve entrare spingendo una molla.
Durissima
Ci avrò messo 10 minuti buoni solo per riuscire a riavvitare la dannata vite.

Però dai, una volta fatta mi son quasi sentita figa, e ho deciso di cominciare.

Se avessi filmato avreste visto...
Me inciampare nel cavo elettrico dodici volte
Il tubo dell'aria della pistola saltare via dal soffiatore ogni 4 minuti (finchè non ho capito che dovevo esser un po' più convincente nell'inserirlo)
La pistola fare uno sputazzo di vernice ad ogni salto del tubo
Il soffiatore, che mi devo portare dietro, strisciare sulla vernice appena data (con mio successivo epiteto)

Comunque ammetto che mi son divertita parecchio, che la pistolazza mi piace, però un po' mi fa brutto aver fatto un'ora di preparazione, altrettanto di pulizia e 10 minuti per pitturare i pezzi O.o Vabbè dai sarà perchè è la prima volta, poi mi velocizzerò :)

Intanto ecco a voi il box moltifunzione che da segheria è diventato verniciatoio.

In lavorazione vedete la Billy in origine color faggio, ora bianca per il fondo, che non è dato benissimo, devo fare esperienza, ma tanto finisce sotto il lilla quindi poco fa :)

Stasera se saran asciutti darò la mano all'altro lato e domani spero di passare al colore :)


tagz:

mini-aggiornamento del makeover

by orkaloca November 9 faccio da me * cose di casa

Ho finito di scartavetrare tutti i pezzi delle librerie:
1 billy grande
1 expedit 2x4
2 expedit 2x2

Ohhh come mi vibra la manooo TRRRRrrrrrRRRRrrrrRRRR....

Il prossimo passo sarà colorarle ed inizierò dalla billy.
Temo sarà un lavoro lungo perchè devo dare il fondo bianco (vedrò al momento se una o due mani), il colore (una o due mani si vedrà) ed il protettivo (che devo ancora comprare, una o due mani chi lo sa).

E ovviamente ci saran i tempi d'asciugatura da rispettare.

Domani mattina finirò i cassetti e renderò agibile il box per la pitturata, in modo da cercare di fare più pezzi possibile contemporaneamente.

Ho quasi quasi la tentazione di registrare il mio primo approccio alla pistola a spruzzo... no così tanto per farvi ridere :p


tagz:

Perchè in fondo son una viziata...


e quel che voglio lo ottengo.
Ci può volere più o meno tempo, ma arriva :p

Dovete sapere che una cosa che non è mai mancata nelle case di famiglia è (a parte la macchina per cucire) la sedia a dondolo.

La nonna ha quella classica fatta +o- così:

I miei hanno quella artistica fatta suxgiu così:

Anche la suocera ce l'ha, simile a quella dei miei.

E io? :p

Io nel lontano '99 scoprii che le sedie a dondolo non son mica fatte tutte così!
Ero al primo anno di università e in uno dei miei giri per magazzini di mobili/cianfrusaglie/carabattole la vidi, e ci misi un po' per capire cosa fosse, e compresolo pensai "ma che genialata!"

Perchè era sì una sedia a dondolo, ma senza i "pattini" tondi sotto che, diciamocelo, di spazio ne portano via un sacco. Lei no.
Lei aveva una base quadrata stabile, poco più grossa di quella di una sedia normale, e la seduta oscillava grazie ad una serie di bascule, leve oscillanti di legno.

Una meccanica in realtà tanto semplice da parer banale, ma che mi lasciò stupefatta.

Ammetto che ci feci un serio pensiero, non costava nemmeno tanto, ma poi che volete, sei studente fuori sede, non sai quante case cambierai in 5 anni, una sedia a dondolo non è proprio essenziale (lasciamo perdere il dettaglio che invece mi son sempre portata appresso un tavolo enorme e pesantissimo!)
Ricordo che presa dal pentimento tornai un po' di tempo dopo a prenderla ma ciccia, era andata.

Da allora io ho sul gargarozzo questo tipo di sedia a dondolo, che poi ho scoperto chiamarsi "basculante" o "poltrona da allattamento" (come se solo le allattanti possano godere del dondolare, groan)

Entrati in casa nuova, dopo il matrimonio, ogni tanto ci provavo "come mi piacerebbe la sedia a dondolo!"
E Lone mi ha sempre detto "se trovi dove metterla la puoi prendere!"
Una rapida occhiata in giro faceva accantonare l'idea.

Ma ora sto rifacendo lo studio e ho pensato che davanti alla finestra ci starebbe proprio bene una sedia a dondolo :p
Così mi son attaccata a google per scoprire che si, c'è chi le vende, ma ragazze ci vuole un rene e mezzo!
I prezzi variano a seconda del modello, ovviamente, ma non son mai bruscoli.

Così, dato che io l'usato non lo disdegno mai, ho chiesto alla grande fonte di CoseVarie: Ebay.

Nella sezione annunci ho trovato 4 poltrone così in vendita da privati intorno a milano. Dove "intorno" sta per "inculoailupi a nord del nord della brianza".
Ho iniziato a contattare i venditori.
Il primo aveva deciso di tenersi la sedia ma non di cancellare l'annuncio. -_-
Il secondo non aveva fissato un prezzo "la do al migliore offerente" (eh si e io sto ad aspettare che fai un'asta a modo tuo)
Il terzo non aveva il poggiapiedi (non che mi fosse essenziale) ma stava davvero infognatissimo
Con la quarta (che avevo lasciato in fondo perchè aveva un prezzo un filo più alto delle altre ma aveva il poggiapiedi, lo schienale reclinabile -che è molto raro- e stava a milano città) ecco uno spiraglio. Mi risponde che è in parola con un'altra persona che deve confermare entro la giornata. se non lo sente mi richiama.
Questo l'altroieri.

Aspetto quindi fremente una mail o una telefonata o uno sms ma nulla.

Ieri mattina non ce la faccio più, mando una mail chiedendo se la sedia fosse stata ritirata.

Dopo poco suona il telefono, è lei, la sedia c'è ancora e dato che il tipo non s'è fatto sentire lei si ritiene libera di passare al prossimo in coda.
EVVAIIIIIII

Quattro chiacchiere e ci accordiamo.
E così stamattina sono andata a prendermi il mio nuovo giocattolino *___* E ve la presento in tutta la sua bellezza:

Questa è ovviamente solo la struttura.
Ho ritirato anche tutta la cuscineria ma è vecchia e sinceramente ha lo stesso odore che girava in laboratorio quando affettavo parti di mucca :p
Quindi dato che comunque avrei rifatto le coperture, ne aprofitto e rifarò ex-novo tutti i cuscini.

Ho comunque voluto posare i cuscini originali sulla sedia per provarla e vedere se è davvero comoda come me la immaginavo e ... ragazze... dritta è comoda ma con lo schienale un po' reclinato...

MIODDIOOOOOOO

Son felicissima!!!

In tutto cio chi c'è rimasta male è stata la genitrice perchè aveva pensato di regalarmela lei a natale. Ma non me lo aveva detto così io son andata per la mia strada. E io dal dire al fare, se son convinta, non ci metto mica tanto.
Voglio una cosa, la cerco, la trovo... è come voglio io? Si? me la posso permettere? Si?
Basta non mi serve altro che il tempo materiale di andare a prenderla. In questo caso 2 ore circa tra andare caricare far due chiacchiere e tornare.

Però la genitrice la devo ringraziare lo stesso perchè ha deciso che se anche non l'ha materialmente presa lei, me la finanzia :)))
AOH, NATALE QUANDO ARRIVA ARRIVA :p

Grazie ste!


tagz:

Una donna non è le sue tette

by orkaloca November 8 incazzereccia * riflessivando

Ed una mamma non è la sua capacità di produrre latte!

Ecco l'ho detto!

Oggi ero gia pronta a prender in mano la levigatrice quando mi squilla il cellulare. E' la mamma della mia amica.
Ho un tantinello sudato freddo quando ho realizzato chi fosse, che se ti chiama la mamma ti preoccupi e ti fai dei film mentali assurdi.

Fortunatamente non era accaduto nulla di grave grave, però l'amica era stata dalla pediatra che le ha detto che la pupa dovrebbe pesare di più e di fare l'aggiunta di latte artificiale. (notare che la pupa comunque è in perfetta salute, solo che è lunga e magra, non tipo i cicciobelli guance-a-mela che si vedono in alcune carrozzine)
E lei ci è rimasta malemalemale.
(mettiamoci poi che la pediatra in questione è una scassacoglioni del tipo "io ho allattato i miei figli così" "io pesavo cosà" "io li ho svezzati colì" "loro facevano la pupù cosè" e per lei tutti dovrebbero esser uguali)

Così la mamma, che era preoccupata perchè non poteva star con lei, mi ha chiamata per chiedermi di parlarci un poco.

Detto fatto, anzi di più, perchè l'ho si sentita al telefono, ma per dirle qualcosa tipo "vengo li a prendere il caffè"
Perchè in virtù del passato post sulla mia stitichezza emozionale, io non sono quella che ti chiama tutti i giorni ma son quella che non ci pensa due volte a saltare in macchina.

Poi conoscendo il mio polletto sapevo che lei non mi avrebbe chiamata nè avrebbe chiesto una mano, è come me, una che tende a rimuginare da sola sulle cose.
Che non sempre è un bene.

Specie se son cose che minano la tua autostima, fiducia eccetera eccetera.

Gia perchè io lo so che lei si è fatta il film mentale dell'allattamento esclusivo al seno, della tetta fino all'anno, un po' si è fatta l'idea lei, un po' gliela avranno fatta le talebane dell'allattamento a tutti i costi.
Ma sapete quante ce ne sono così ? (sia di talebane che di talebanizzate)

Poi al primo accenno della parola "latte artificiale" vanno in crisi. Ed eccola qui a sentirsi inadeguata, incapace e compagnia bella.

La cosa mi ruga e spiace perchè la conosco, so che tipo è, quanto adora quella pupa, so che è e sarà una mamma fantastica, e non è la capacità (o incapacità) di produrre secrezioni apocrine di qualche ghiandola mammaria che la farà più o meno brava e capace.

A me fa letteralmente INCAZZARE che invece le mamme vengano messe sotto questo torchio al galattosio.
Per non parlare delle pressioni da parto naturale!

E se non partorisci naturalmente e se non produci 10 litri di latte grassissimo al giorno è perchè NON VUOI... e non vuoi bene a tuo figlio... e sei egoista... e sei inadeguata...

Ma un bel MAVACCAGARE non ce lo mettiamo?

Si vede che son un po' incazzosa sull'argomento nè?

E' che mi piange il cuore vedere demolita la fiducia di una persona per una singola cosa, quando so benissimo che quella persona è al mondo una delle più adatte a far il mestiere che s'è scelto.
Quando ci sono in giro certe scellerate che non avrebbero nemmeno dovuto esser dotate di un sistema riproduttivo... Però, oh, producono litri di latte e bambini vitelli... e allora cavolo che mamme fighe che sono!

MA SGRUNT!


tagz:

Extreme Makeover Studio Edition 06

by orkaloca November 7 faccio da me * cose di casa

Dopo aver svuotato e imbiancato ho pensato che qualcosa potevo anche rimetterla nello studio.

Così ecco a voi la sala cucito più minimal-chic della storia :p

Intanto il lavoro prosegue in box dove ho allestito una falegnameria con tanto di piccola apprendista (ma tranquille, me la porto giu solo quando non faccio cose pericolose)

Il gioco in box consiste nello scartavetrare i mobili.
Perchè per ripitturare i mobili ikea di certo serve una mano di aggrappante, ma c'è un vivo dibattito sulla necessità o meno di scartavetrare.
Andando a sentimento io ho deciso di dare ai pezzi una lieve scartavetrata, tanto più che non lo faccio a mano ma con la levigatrice.
Non devo tirar via il colore, basta grattare un poco la finitura, così devo dire che non è certo un lavoro pesante.
Fastidioso semmai perchè la levigatrice vibra e dopo una 40ina di minuti stai certa che il braccio continuerà a vibrare da solo per le successive 4 ore ahah.
In più devo usare la mascherina per non respirarmi le polveri. So che è indispensabile ma la odio perchè va a finire che il respiro caldo esce da sopra e mi si appannano gli occhiali, non ci vedo e procedo leeeenta tra un respiro e l'altro :/

Nella foto potete vedere, appoggiati al muro a destra, i pezzi gia fatti.
Praticamente tutta la Billy (mancano due ripiani) e tutta la Expedit grande.
Mi mancano due Expedit piccole. Domani.

Vi ricordate poi il mobiletto raccattato in mezzo alla strada? Ebbene anche quello passerà per la levigatrice ma nel frattempo sto ricostruendo i cassetti.
Gia perchè i tre cassetti avevano pareti e fondo gonfi e marci e si bloccavano nel mobiletto. Così li ho demoliti, salvando solo il frontale decorato, ed ho preso il legno per rifare la struttura interna dei cassettini.
Pensavo sarebbe stato più difficile, specie perchè io vado d'amore e d'accordo con le viti ma litigo irrimediabilmente coi chiodi... invece pare esserci una sorta di tregua.

Ah vi svelo un trucchetto che ho scoperto da poco e pare funzionare... A volte quando piantate i chiodi in listelli di legno capita che le fibre del legno si aprano e il listello si spacchi. Questo accade perchè il chiodo è troppo appuntito. Quindi prima di piantare un chiodo dategli un colpetto di martello sulla punta. Così è vero che fa un filo più fatica ad entrare, ma non apre le fibre del legno :)
Oggi ho fatto così e non ho avuto nessun contrattempo! Incredibile come una scemenza come un colpetto alla punta del chiodo possa far la differenza tra GrandeSoddisfazione e SantiEMadonne.

Bene bene, aggiornamento finito. Ora mi faccio un the che me lo merito proprio e do un biscotto a Nala che se lo merita decisamente anche lei!


tagz:

Fasi

by orkaloca November 5 io me * faccio da me

Credo che la maggior parte di voi che mi seguite via blog, da poco o tanto tempo, abbiate di me una visione un poco distorta.
Penso che pensiate che a me le cose creative riescano sempre, facilmente, serenamente... Che qualsiasi cosa di manuale io mi metta in testa di fare mi venga in un pimpulu pampulu parimpampù...

Oh oh sapeste quanto lontane dal vero siete :p

Ve lo spiego prendendo come esempio l'ultimo schizzo creativo, l'imbiancatura dello studio, per spiegarvi le fasi della mia creatività :)

FASE 1: BASTA POCO CHE CE VO'
Immaginate che mi sia venuta un'idea meravigliosa, tipo "imbianco lo studio".
La prima cosa che penso sempre e comunque, perchè in fondo sono un'ottimista, è "e che ci vorrà mai, un rullo, la vernice, in una mattinata lo faccio!"

FASE 2: STUDIO E RICERCA
Mi attacco a google e studio... scoprendo così un mondo e che no, non basta un rullo e la vernice...
Scopro che ci sono millantamila tipi di vernice, centodue tipi di rullo, che mi serve una vaschetta apposta che esiste in ventitrè varianti e un pennello che si trova in n materiali x dimensioni y angolature w lunghezze ...
E qui minimo mi va via una giornata per decidere esattamente quale vernice, rullo, vaschetta, pennello fan per me (e state certi che di questi almeno uno non sarà più in commercio e almeno un altro non mi soddisferà :p)

FASE 3: INIZIO DEI LAVORI
Procuratami le cose appronto tutto per cominciare e poi firulin firuleri incoscente come poche inizio...
... per scoprire che la questione non è assolutamente facile come pensavo!
La vernice antigoccia gocciola... Il pennello non pennella... il rullo non rulla... lo scotch si stacca, l'asta allungabile s'allunga giusta giusta per arrivare al punto più alto del soffitto stando in punta di piedi (li mortacci della mansarda!)
Inizia ad insinuarsi lo sconforto

FASE 4: SANTI E MADONNE
E divinità di ogni religione si sentono chiamati in causa.
Più procedo più sacramento e più volte mi do della cretina per non aver voluto chiamare l'Andrea, il ragazzo che mi ha dipinto casa la prima volta, che è simpatico, carino, bravo, veloce, economico... che probabilmente avrebbe fatto tutto in 3 ore e per 100€ e sarebbero stati molto ben spesi!
Ma io NO io devo fare da me o non sono contenta!

FASE 5: TOCCO IL FONDO
Avete presente lo sconforto totale?
Ecco.
Il muro che resta grigio, la ricercata decorazione a peli-di-cane, il non capire dove son gia passata e dove no, l'inciampare nella scala, il mettere il piede nella pozzetta di vernice...
Finisce che mi siedo in mezzo alla stanza, a metà della prima mano di vernice, coi lacrimoni e il pensiero "mò chiamo l'Andrea e gli chiedo se viene a finire lui il lavoro!"

FASE 6: IL RISVEGLIO DELL'ORGOGLIO
Mi dico che, porcavacca, deve ancora nascere la vernice che l'avrà vinta con me.
Non perchè io mi reputi bravissima, ma perchè la questione diventa tremendamente personale. Così personale che non riuscir a portare a termine il compito sarebbe un vero smacco.
Così mi rimbocco le maniche e riprendo, un po' più filosoficamente (come viene viene) e meno puntigliosamente.

FASE 7: VEDER LA LUCE
Finita la prima mano guardi la stanza e... FA SCHIFO!
Però in fondo sono un'ottimista e mi ricordo di aver letto di non giudicare la pittura da fresca. Quindi porto giu la cana, faccio pranzo, vado a prendere il secondo barattolo di vernice e quando torno do un'occhiata alla stanza.
Fa ancora schifo ma meno di prima e un barlume di speranza ce l'ho.

FASE 8: LA VITTORIA
La seconda mano è andata su molto più velocemente, oramai avevo capito il meccanismo.
A rendermi difficile il compito son intervenute le vescichette sulle dita, ma alfin ho finito di imbiancare!
Roba da darmi una pacca da sola sulla spalla.
E c'è questo senso di soddisfazione, che se sarà venuto bene o no si vedrà solo domani, ma intanto ho finito e questo è al momento la cosa più importante.

Comunque son giunta alla conclusione che imbiancare è una cosa per la quale, in futuro, spenderò volentieri soldi per rifilare la rogna a qualcun altro :p


tagz:

Extreme Makeover Studio Edition 05

by orkaloca November 5 faccio da me * cose di casa

Parola d'ordine: IMBIANCARE

Impresa al limite del crollo della sanità mentale... ma ve la racconterò stasera quando (spero) avrò finito.
Ora vado a comprare un'altro bidoncino di pittura :)


tagz:

Extreme Makeover Studio Edition 04

by orkaloca November 3 cose di casa

Dopo la pausa per Halloween ecco che ricomincia lo svuotamento dello studio.

Che dire... inizio a veder la fine :)

In compenso in sala quasi non ci si gira :p

AGGIORNAMENTO:

Dopo una giornata di sposta-smonta posso dire che finalmente questa stanza è (al 95%) libera :)


tagz:

Halloween 2012

by orkaloca November 1 feste

Mi odierete perchè di tante foto che potevo fare io non ne ho fatta mezza (macchina morta a tradimento) ed il marito che aveva incarico di fotografo si è perso via in ciacole, quindi insomma, poche foto (ma tutte ingrandibili cliccandoci sopra ^_*). E mi spiace.
Ma potrete viaggiar con la fantasia, no? :p

Dopo due giorni di preparativi intensi, sistemazione della casa, decorazione, cucina folle follissima per preparare il preparabile in anticipo, ecco finalmente arrivare il 31 sera, ed eccovi la sala addobbata. Vista da un lato:

Ragnatele a pioggia sapientemente disposte da Lone, palloncini che han messo a dura prova i miei polmoncini, pipistrelli da soffitto dagli anni passati e la novità le bandierine che ho arricchito con le zucche di cartoncino (ode sia sempre alla BigShot ed alla colla a caldo).

Dall'altro lato ecco la tavola imbandita, la corona dello scorso anno, l'altarino con il cervello e quello con la zucca, ancora palloncini e... due demonietti pronti a salutare gli ospiti

Ma prima qualche coccola

Poi finalmente arrivano gli amici e ci diamo alla pappatoria.
Ed eccovi il menu a tema dantesco ma sempre infernale :p

I FRUTTI DELLA SELVA OSCURA
- Palta bacherozzi croste ed intingoli vari ed avariati
(ovvero l'aperitivo con patè salamini patatine e salsina)

LA DELIZIA DELL'ACHERONTE
- Sformato dannato
(ovvero uno sformato di zucca e provola come antipasto)

SPECIALITA' DELLA CITTA' DI DITE
- Occhi vitrei in guazzetto sanguigno
- Anima in pena (o quel che ne rimane)
(ovvero i primi: gnocchi di castagne con sugo di zucca e spaghetti al nero di seppia con sugo di peperone in testa di peperone... agevolo foto)

PIATTO DE LO GIORNO DI MALEBOLGIA
- Zampette di cerbero in umido
(ovvero fusi di pollo alle castagne)

I SUPPLIZI DELL'ULTIMO GIRONE
- Fiamme cioccolatose
- Torta penitenziale
- Il colpo mortale
(ovvero i dolci: chichinger coperti di cioccolato, cheesecake alla zucca e pinolata alla crema pasticciera)

ED INFINE USCIMMO A RIVEDER LE STELLE (FORSE)

Il tutto sotto lo sguardo vigile della zucca

E lo sguardo scIemo della cana che però poi ha dato la sua benedizione

E così satolli e con la palpebra crollante abbiam tirato l'una, poi abbiam convenuto che non siamo più giovani spiritelli nottambuli e abbiam chiuso la serata con una foto di gruppo :)

E oggi la casa è gia tornata alla normalità, e gia ho in mente il tema per il prossimo halloween AHAHAHAH :)


tagz: