Quando il pene non c'è ma si vede

by Orkaloca agosto 16 art * Art Quilt * show

 

News della settimana: ad uno show dell'AQS (American Quilt Society) un quilt esposto, facente parte della collezione "Portrait and people" dell'SAQA, è stato censurato e rimosso dagli organizzatori.

Il motivo? Un visitatore si è lamentato, ha detto di essersi sentita offesa dalla visione di un pene che, evidentemente, la minacciava dal quilt.

La cosa buffa? In quel quilt non c'è alcun pene!

Vi rimando a due post interessanti:
QUESTO di Kathy Nida, l'artefice del quilt, che parla del suo lavoro

QUESTO di Tanya Brown, che parla del quilt e più in generale della censura nel mondo dei quilt.


tagz:

Birmingham 2014: another big satisfaction

by Orkaloca agosto 13 art * news * Art Quilt * show

Here I am, back from Birmingham, where from August 7th to 10th I took part in the Festival of Quilts.
I was there as Italian International Representative (IR), to take part in the annual meeting of the European IRs and because ... well because there was one of my quilts in the contest ^ _ ^

This year the contest was packed, more than 1,000 quilts, divided into various categories.

And here is my "baby" with a really original title (yes of course :p) : OrkaLoca
I always play on the pun about orcas and the spanish word "loca" which means crazy.

While last yearall the badges with the awards were already been exposed at the opening of the exhibition, this year they made me sweat.
In fact there were no tags on quilts, only the winners had been moved and covered with black clothes. All this because at noon they have done a nice awards ceremony, followed by the unveiling ceremony of the winners.
Only later, at about 3pm, they put the tags on the quilts.
And I was hoping, finger crossed, to see a tag on my quilt. I put so much effort and good vibes in this piece that I hoped so much.

And at the end, after all the waiting, it was finally there, appeared out of nowhere, my blue tag with the words "Highly Commended". This is a recognition given to that quilt that has not been on the podium just by a whisker.

To say that I'm happy is an understatement :)


tagz:

Rosso Mimma a Veldhoven

by Orkaloca maggio 5 show

In diretta da Veldhoven, son qui in come rappresentante internazionale di QuiltItalia, per parlare a chiunque della nostra collezione, il Rosso Mimma. 

Dopo l'esordio a Vicenza siam riuscite a portare Mimma e i quilt a lei dedicati all'estero, e io mi son premurata perché tutti comprendessero chi fosse lei e perché fosse importante la collezione.

Collezione che ha riscosso grande successo, gente allibita davanti all'abilità delle italiane, gente che ha detto di aver ammirato lo stile italiano che si differenzia dagli altri e che ha apprezzato la storia dietro i lavori.

Ecco qui parte dei i quilt, appesi come si usa ora, al soffitto, visibili da entrambi i lati. Bellissimi. (Non riesco a caricare le altre foto sigh)


tagz:

Hunting Song

by Orkaloca agosto 16 art * show

Hunting Song è un quilt miniatura (11"x8" - formato A4) Che ho fatto per partecipare al Festival of Quilts di Birmingam.
Ho deciso di fare una miniatura pensando che un quilt più piccolo avrebbe richiesto meno tempo. Si capisce che era la mia prima miniatura e che son stata molto ingenua.
Alla fine penso che questo quilt abbia richiesto più tempo di uno grande, a volte mi son trovata bloccata nel processo creativo, senza sapere come continuare, ma son felice di aver superato quei blocchi.
Anche perchè questo quiltino ha vinto il 3° premio nella categoria Miniature. Ha avuto un gran successo :)

And here's how I made it.Ed ecco come l'ho fatto

Prima di tutto una miniatura è definita come un quilt coi lati non maggiori di 30 cm e che in foto, senza riferimenti, sembri più grande.

Detto cio la prima fase è stata fare il progetto, il disegno, e che fosse dettagliato per darel'impressione di un lavoro più grande.

Poi ho studiato i colori, facendo qualche prova su copie colorate a matita

A volte vedete delle lettere nei campi di colore, quelle corrispondono al numero della stoffa. Infatti il passo successivo è stato selezionare le stoffe dal mio stash. Ho usato sia stoffe commericali che tinte a mano.

Ed ora la parte divertente, ho cominciato a tradurre il mio progetto in applique, usando la heat-n-bond lite e applicando le stoffe su una sottile base di cotone.

Però ecco un problema, dopo la prova colore non sapevo come disporre i toni, più scuro davanti o dietro le orche? Quindi ho pensato "perchè farne una quando posso farne due col doppio del tempo e del materiale?"

Ecco quindi che ho cominciato a lavorare a due quilt al prezzo di uno.

Fortunatamente c'era il mio aiutante!

Dopo tutto questo lavoro mi era rimasto tempo per portare avanti e finire solo uno dei due quilt, quindi ho chiesto aiuto, per prendere una decisione, alle care quilters delle liste SAQA e QuiltArt, che mi son state di grande aiuto coi loro pareri.

Alla fine ho scelto di portar avanti il quilt piùù scuro e dato che era stato detto che pareva descrivere il lato più oscuro e tetro delle orche, ho deciso di far si che le mie orche non stessero saltando di gioia o per gioco, ma per via di una caccia in corso.
Mi serviva del sangue in acqua però.

L'ho aggiunto grazie a un denso lavoro di trapunto e ricamo a mano libera.

In ultimo mi era rimasto da finire la parte superiore. Il primo progetto prevedeva l'uso di tantissimi punti nodino per dare un aspetto spumoso, ma dopo averne messo qualche centinaio non ne sono stata contenta, così ho passato un giorno a toglierli e ho finito la parte superiore con dell'ulteriore ricamo a macchina a mano libera.

Ed ecco il risultato finale contanto di binding :)

Ed una me mooolto felice :) a Birmingham


tagz:

Birmingham 2013... double prize

by Orkaloca agosto 11 art * Art Quilt * show

The Festival of Quilts in Birmingham is the biggest show of Europe in the field. Surely one of those that has the largest number of quilts in exhibition and competition.
This year we had 700 quilts, in various categories, from all over the world.

After having heard so much about this show, I went there for my first time, also because there was my final practice session of the Quilt Judge Course.

Besides visit the show, I had also sent two quilts for the contest. One, "the great judge" for the "pictorial" section, the other "hunting song" for the "miniature" section.

And oh my, still I don't believe it, they both have had a prize!

"Hunting Song" has had 3rd prize and the "great judge" has been Highly Commended

The highly commended is a qualification that is given to those quilts who have not entered in the top 3 for a whiff, like 4th, 5th and 6th in practice. Can be assigned to a maximum of 3 quilt but is not required to be give. Son I'm very happy because it means that it is well deserved :)

So here there are a couple of pictures (click to enlarge) ... the Great Judge with his plate:

 

And a really happy me with the small, great, "hunting song"

And if you don't recognise the small quilt with orcas, don0t worry, there will be a backstage post for you ^_*


tagz:

Happy Dance for Floral Symphony

by Orkaloca giugno 14 art * Art Quilt * quilter life * show

Since when I started to make patchwork, quilts and shows, my great ambition has been to have a quilt accepted in Houston show, in the contest or in one of the special exhibits.

I made it :)))

There's an annual special exhibit named "in full bloom". Since it's in memory of a flower lover, the quilts has to be with flowers.
I tried last year to submit a quilt but it wasn't accepted.

But this year I have been selected and my quilt  "Floral Symphony" will be one of the 32 chosen to be part of the exhibit.
Inauguration will be in october, then the exhibit will travel for une year.

And now here it is, a photo and a detail of my quilt :)
I made it last year for the Birmingham quilt show, and now it will go overseas... I have to makeit  a millemiglia card :p


tagz:

Two exhibits

by Orkaloca ottobre 17 art * show * ispirazioni

Last week I went at Palazzo Reale (Royal Palace) that is a building next to the Duomo in Milan, which serves as a venue for exhibitions and for civil marriages.
I went there for a wedding but since I was there I decided to visit two exhibitions:)

The first exhibit (ended on October 16) was:
The sign and the spirit - multiple furniture, sculptures and jewelry by Gabriella Crespi

I leave you the fun of find details about her, I say only that she was a well-known designer and artist of Milan in the 60s and 80s.
In his works are almost a constant curves, that you can find in a whole range of furniture dedicated to the moon. Crespi made also ​​a number of animals whose body is composed of ostrich eggs or crystal eggs.
And where there are no curves there are, shiny surfaces, metal and gold.

In his furniture I liked most this stool composed by segments that are opened or closed to form a moon.
I like the curvy line of the single slice and I like the curved shape formed by all segments when they are open. I find it very elegant and harmonious, and find great the color alternation of silver and gray. There is also a red/silver version but not so elegant in my opinion. (Eclipse - 1980 - pictures from the web)

Gabriella Crespi has also produced a series of jewelry and a table set with the technique of lost-wax casting.
In this technique an object is carved in wax, embedded into a matrix and then the melted metal replaces the wax.
What struck me is that often the form of wax, replaced by the metal, is not a real sculpture but seems to be one of those melted wax drops that naturally forms on candles.
Now, I don't know if the Crespi has crafted a form similar to a natural wax flow or whether she simply took the natural wax drops, but I personally find it much more brilliant if she used for her purpose a natural flows, not recreated.
Perhaps for the beauty of the natural things.

Following a table, the table set and a collection of objects in lost-wax casting (images from the web)

I was fascinated and impressed by this butterfly necklace. Once again, the technique is that of lost-wax casting.  I feel that the heavy looking of the metal is balanced by all those spaces in the wings that transmit grace, lightness ... I almost expect the butterfly to take a flight at any moment.

 

The second exhibit was after this and it was:
Inter/Vallum - monographic bt Roberto Ciaccio (until November 20, 2011)

This monograph consists of works on paper and large metal plates, arranged in the "hall of caryatids" of the royal palace, an hall that I've never seen before.
A room whose beauty is matched only by the very poor state of repair, unfortunately. And for me, just returned from England, where historical and cultural buildings are immaculately kept, was inpossible not to compare the two realities.

But leaving out the room, the exhibit fascinated me. The works are touches of color, rarely light colours, on metal and paper. The colours where all dark, deep, with a metallic effect given ​​by the support.
I was fascinated by combinations of blue and purple or dark red, and a serie of 3 works apparently identical except for the placement of a certain color shape. (photo from the web)

Unfortunately in the historic buildings there is always a problem: light.
So here very dark
works were exposed in a room with a very poor light. Of course, the exposure would not have made the same effect under bright lights, but the light was, in my opinion, really below the minimum level needed to enhance both atmosphere and works.

Installation included also metal plates layed on the floor, but sadly I didn't understood if it was an interactive installation (like in "walk on them") or not. I've avoided, just to be sure. Judging from the footprints others have not. Mah
I understand that sometimes the interpretation of art is left to the observer, but sometimes a little explanation (like in "you can walk on plates") could allow the viewer a full enjoyment of the artpiece, thinking and observing only at the work itself, not thinking only "could I walk on it? yes? no? someone else did... why?" and so on.

Anyway it still was a very beautiful exhibit, and I walked away full of ideas and feelings and inspirations.
If you want here's the link to the artist's website: Roberto Ciaccio

At the next show ^_^


tagz:

Of the live fears and death illusions

by Orkaloca ottobre 10 art * Art Quilt * show

In this post I want to tell you about the birth of the quilt I've made for the Bergamo show "quilters in wonderland" hosted by DireFareQuiltare and held during the Creattiva fair (october 2011)

First of all the theme... in the call for entries was stated: "The journey of Alice in Wonderland is a fantastic journey that brings us back to our childhood. A journey into a wonderland where there are so many fantastic characters, but also a psychological journey on the growth phase of each of us. in Wonderland we meet our fears, our hardships, the difficulties that each of us has had to overcome to "grow". Follow the white rabbit in its burrow, take a look on this world to discover ourselves. "

As you can see there were lot of ways to interpret the theme: literally or introspectively
And since I swim in the introspective like a fish in its pond I immediately set aside the figure of the beautiful blonde girl to look at my path of growth, my fantasy world, my fears.
(and then think... the Wonderland is not so wonderful, Alice is for most of the time alone, lost, scared, sad, and doesn't understand what happens. At the end there is also a mad woman that wants to decapitate her. Oh what a joy!)

So this is how this quilt was born. Its title is "Of the live fears and death illusions"

To design this quilt I started by the naked pregnant woman. Before I drew the outline, building at first a sketch of the skeleton and then "mounting" on it the muscles. To know anatomy helps a lot in the construction of the human figure.

I then built the Notan, that is a study in black and white of lights and shadows. This helps to distribute the colors, as in the second test done in pencil.
After performing the test with pencil on paper I copyed the figure on lilac hand-dyed cotton and I reproduced the shades of colour with lilac paintstick and a sponge. The details were outlined with the Inktense purple pencil.
Here are the three phases: Notan - pencil - fabric. Click on images to enlarge.

   

Done the woman I went on drawing the background. I made the design on the freezer paper and then ironed it on the front of the background fabric.

Then came the "difficult" part: color the whole thing using the drawing as a large mask from which cut off pieces to color (still paintstick and sponge) the fabric. The pieces are then masked again to protect them against the next color.
There are mainly two difficulties, one technical and one conceptual:
- Cut the freezer paper without cutting the fabric below
- Since each section is uncovered, coloured and then covered again, you cannot see the finished work till the very end. This means that you must already have in mind a definite idea of ​​colors to be applied: which and where. In short, you must have in mind a clear vision of the finished work and of what has been already done to avoid missing pieces.

Here is a picture of the work during construction. I only unmasked the three flowers I was coloring, notice how all the other pieces already colored are covered under the freezer paper. This is to avoid stains and smudges. It's a job that requires great precision.

After the entire background had been coloured came the good part, you can peel off the whole freezer paper and finally, for the first time, the full background is visible. Therea re still white areas where I was going to paint killer whales (with the same techniques but in a smaller scale) and where I was going to applique the woman.

Here are two details on the finished work. You can see the colour shades and the quilting that outlines shapes and fill the background.

 

I love this quilt, another one that reflects my soul. I'm happy it has been appreciated, also if it didn't earned an award. :)

(oh and no, I'm not pregnant ^_*)


tagz:

Mudra e mantra in Tailandia

by orkaloca luglio 12 creazioni * Art Quilt * show

Il quilt che ho fatto per l'ultimo concorso cui ho partecipato mi ha dato molto filo da torcere, tante lezioni di vita, zero soddisfazione.
Adesso che il concorso è finito (e no non ho vinto nulla ^_^ ma ero perfettamente conscia di non aver speranze stavolta) posso mostrarvi le foto. Ma prima consiglio, a chi non lo avesse gia letto, di leggere il post in cui ho spiegato tutte le difficoltà che ho incontrato. Lo trovate QUA

Bene, eccomi allora a spiegare il mio quilt.

Anzitutto l'argomento... il tema del concorso era "profumo d'oriente" e io ho deciso di ispirarmi alla Tailandia, paese che mi affascina per vari motivi.
Primo tra tutti le danze tradizionali, nelle quali le ballerine indossano sulle dita dei lunghi coni di ottone per rendere le mani lunghissime ed appuntite. E proprio attorno all'immagine delle mani di una ballerina tailandese ho sviluppato il quilt.

Per fare le mani ho prima fatto il disegno su carta (senza unghioni) quindi le ho dipinte con il paintstick su stoffa color carne (tinta da me). Ogni mano è composta da vari pezzi poi applicati a mano sullo sfondo. Gli unghioni sono realizzati in stoffa sulla quale ho applicato della foglia-oro di color rame, quindi li ho applicati a mano.

La posizione delle mani non è casuale ma studiata. Le mani infatti sono in ben specifiche posizioni mudra. Le mudra sono posizioni delle mani o talvolta del corpo che vengono utilizzate, nella filosofia orientale, allo scopo di riequilibrare le proprie energie o di attirare qualcosa.

Altro punto focale del quilt è la "finestra", realizzata con margini interamente rifiniti, nella quale sventola a mò di bandiera di preghiera un pezzo di organza stampato con un mantra in sanscrito, con effetto molto etereo. (scusate il calorifero dietro)

I Mantra sono frasi che vengono ripetute decine e decine di volte a mò di preghiera e meditazione. Il mantra che ho scelto mi è parecchio caro, lo sento come il "mio" mantra ed è il Mantra della Tara Bianca. Ha un suono meraviglioso.

Per quanto riguarda lo sfondo, invece, ho realizzato un batik (che guardacaso è una tecnica tipica orientale) con fiori e dei medaglioni ripresi dall'architettura tailandese.
I fiori e i medaglioni li ho dipinti con acrilico mentre lo sfondo viola è dipinto con una tintura addensata con alginato e stesa a pennello.

Infine il trapunto. Per questo ho scelto un motivo semplice di riempimento a "piumette" intervallato da fiori trapuntati con un filo di un altro colore.

L'effetto finale è questo:

La composizione è a prima vista sbilanciata con troppo peso verso l'alto. A me piaceva così ma ammetto che può risultare quasi fastidiosa.
Inoltre pensavo di mettere qualcosa a sinistra delle mani, sotto la finestra, perchè quello spazio viola non mi piaceva molto, ma ho lasciato perdere per non pasticciare troppo. Però sono ancora convinta che servirebbe qualcosa li.

Questo è un quilt che a me parla molto, ma con tutta probabilità è fin troppo personale, così parla solo a me eheh.

Comunque sia farlo è stata una bella avventura, istruttiva sopratutto. E ora.... avanti il prossimo :)


tagz:

Rossano 2011


A fine Maggio ho spedito il form di iscrizione per il concorso "profumi d'oriente" di Rossano. 
Due giorni fa la telefonata da parte della responsabile per avvisarmi che il mio quilt è stato ammesso. 
Oggi pomeriggio il corriere è passato a prendere il pacco che ora è in viaggio verso l'altro capo d'Italia.

Ma parliamo un po' di questo concorso, di cio che mi ha insegnato... perchè me ne ha date tante di lezioni.

Lezione 1: Legge dell'ispirazione
Se devi fare un pezzo contemporaneo ti verranno in mente solo quilt tradizionali.
Il concorso "Profumi d'oriente" si articola in due anni, nel 2011 concorrono i quilt contemporanei, nel 2012 i tradizionali. Ecco perchè dovevo fare un contemporaneo, che per altro è pane per i miei denti.
Di solito.
Invece stavolta più ci pensavo e più mi saltavano in mente modelli strettamente tradizionali. Tutti buoni per il prossimo giro, per carità, ma per trovare un'idea per questo ho faticato non poco.
Ho imparato a non dare per scontata la mia vena creativa dominante.

Lezione 2: Un concorso è come un libro, non va giudicato dal titolo.
Quando ho letto il titolo mi son detta "FIGO!" e non c'ho pensato due volte ad iscrivermi.
Poi la tragedia... trovare un tema significativo. Per me almeno. Io non sono capace di cucire cose a caso su una tela e poi dare un nome scelto apposta per rendere il quilt in qualche modo attinente al tema.
No.
Io devo partire con un concetto in testa, il mio lavoro diventa porre in forma visiva un'idea astratta.
E stavolta mi son trovata in difficoltà, forse, perchè io l'oriente non l'ho mai vissuto granchè personalmente. E quel poco che ho vissuto volevo tenerlo per me.
Ho imparato quindi il significato profondo del detto "parla (scrivi/dipingi/quilta/etc) solo di cio che conosci".
Ed ho imparato che il fatto che un tema di piaccia non comporta necessariamente che io abbia qualcosa di profondo da dire su quel tema.

Lezione 3: Idea banale marcisce in fretta
Dato che io cerco sempre di dire qualcosa coi miei quilt, e tento di far si che sia qualcosa di vero, le idee banali con me han vita breve.
Per questo per questo concorso ho sviluppato 3, dico TRE, idee, con tanto di progetto, prove colore etc. 
Le ho sviluppate in sequenza, scartandole tutte una dopo l'altra dopo qualche giorno d'amore.
Le ho scartate perchè erano idee nate per il pubblico, non per me. Per compiacere altri non la sottoscritta.
L'ultima idea è andata oltre la fase progettuale sia perchè oramai non c'era più tempo di cambiare idea, sia perchè tra tutte era la più personale, quindi quella con una possibilità in più di veder la luce perchè parlava di me.
Ho quindi imparato che è inutile perder tempo a progettare idee che non si sentono "giuste" solo perchè teoricamente potrebbero incontrare il favore del pubblico.

Lezione 4: Murphy docet - se qualcosa può andar male lo farà
La nascita di questo quilt è stata travagliata. Tutto quello che poteva andare non dico male ma diversamente dai piani lo ha fatto.
L'acrilico che in teoria dovrebbe aggrapparsi alla stoffa e non lasciarla più nemmeno pagato, e in effetti così ha sempre fatto nella mia esperienza... stavolta invece si è scrostato al risciacquo. (mea culpa, ero convinta di aver lavato la stoffa di fondo appena comprata invece evidentemente no così l'acrilico in alcuni punti non è penetrato nella stoffa a causa della finitura)
Ci sono 3 medaglioni che dovevano essere ben allineati... in realtà uno dei tre è posizionato un pelo più un alto degli altri... e gli manca una fogliolina -_-
Il colore scelto per il trapunto dava un bell'effetto nella prova, fatto sul quilt da un effetto totalmente diverso, dei due colori scelti uno è risultato troppo visibile e l'altro troppo invisibile.
Senza contare poi il filo che ovviamente finisce sul più bello la domenica nel primo pomeriggio quando oramai è tutto chiuso e nulla riapre prima di lunedi pomeriggio (e notare che era los tesso lunedi in cui scadeva il termine per l'invio delle foto -_-
Ho quindi imparato che:
- Non si deve mai iniziare un lavoro con meno di 400mt di filo
- Per quante prove si facciano il risultato su scala maggiore darà un effetto diverso
- La tecnica più collaudata fallirà miseramente sul pezzo più importante
- Non devo dare per scontato di aver lavato della stoffa. Nel dubbio rilavala. Nella certezza... rilavala lo stesso!
E sopratutto: Nella nostra mente ci creiamo un'idea tanto perfetta ed idealizzata del risultato che vogliamo ottenere che qualsiasi cosa faremo non saremo mai soddisfatti ed il minimo imprevisto sembra una tragedia.

Lezione 5: Non tutto il male viene per nuocere
Leggendo il punto sopra potreste pensare che il mio quilt sia una disastro totale. Al primo imprevisto lo pensavo anche io (per la suddetta teoria dell'idealizzazione del progetto).
Ma poi è successo qualcosa. Man mano che lavoravo e che capitavano imprevisti mi son trovata a far pian piano conoscenza con il mio quilt. 
E ad apprezzarlo per quel che è.
Le parti di pittura imperfetta? Danno in realtà un look un po' vintage che sta benissimo, sono ora le parti che mi piacciono di più, anche perchè rendono proprio l'idea dell'antico, che con l'oriente calza a pennello.
La trapuntatura che si vede qua troppo e la troppo poco? In realtà questo si nota solo da vicino, gia a due passi di distanza quel che si vede è un effetto di marmorizzazione dello sfondo che sta un amore, risulta decorativo senza essere invadente.
Ed il medaglione disallineato e senza una fogliolina? E' l'unica vera imperfezione... Ma tanto sapete gia tutti cosa dicevano le Amish no? :p E a ben vedere in realtà nemmeno lui mi spiace.
Ho imparato quindi che a volte un imprevisto non rovina l'idea originale, la migliora anzi. Solo che per vedere questo miglioramento si deve metter da parte la famosa idea perfettissima nella nostra mente.
Non è sempre facile.
Inoltre ho imparato che a volte una imperfezione non rovina il lavoro, lo rende solo più interessante. A volte se non la si fa notare la gente nemmeno la vede.
E sopratutto ci si può divertire a chiede a tutti "trova l'errore" (per inciso ho fatto questo giochino a varie persone e NESSUNO si è accorto della fogliolina mancante eheh)

Ora il quilt è partito e verrà esposto, con gli altri partecipanti al concorso, dal 1 al 7 luglio a Torre S.Angelo di Rossano (CS), ma io non potrò mostrarvi foto fin dopo la mostra.

Ci sono grandi quilter in questa edizione e sinceramente, dato che sono obiettiva, non credo che avrò grandi possibilità di vincere quest'anno. 
Ma in ogni caso per tutto quello che ho imparato penso sia comunque una piccola vittoria personale sulla mia parte perfezionista e castrante.

E poi chissà, magari alla giuria piacerà.
Si sa che io sono ipercritica :p


tagz: